Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Maggio 2018  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
   1  2  3  4  5  6
  7  8  910111213
14151617181920
21222324252627
28293031   

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Un'Operazione Walkirie da tempi nostri PDF Stampa E-mail
Scritto da ilsole24ore   
Lunedì 20 Luglio 2015 00:27


In un colpo solo spianata la Grecia e attaccata la Germania

L’umiliazione della Grecia, il trionfo della Germania onnipotente, il sovvertimento della democrazia in Europa, così titolavano molti quotidiani europei lunedì mattina.

Che assurdità. Se c’è qualcuno che ha capitolato, quella è la Germania. Il governo tedesco ha appena concesso in linea di principio un altro salvataggio plurimiliardario alla Grecia, il terzo a oggi. In cambio, ha avuto la promessa di riforme economiche da parte di un governo greco che ha fatto chiaramente capire di essere in profondo disaccordo con tutto quello che ha appena accettato. Il governo Syriza farà chiaramente tutto il possibile per contrastare l’accordo appena siglato. Se questa è una vittoria tedesca, non vorrei assistere alla sconfitta…
E poi questa storia della democrazia sovvertita in Grecia, anche questa è un’assurdità. Il referendum greco del 5 luglio voleva dire in sostanza che il resto dell’Eurozona avrebbe dovuto continuare a prestare miliardi alla Grecia, ma a condizioni dettate da Atene. Irrealistico. Il vero ostacolo alla libertà greca non è la natura non democratica dell’Ue, ma il fatto che la Grecia è in bancarotta.

 

Il dilemma per i cittadini greci è penoso, ovviamente. Ero ad Atene la settimana scorsa e mi sono sentito molto male per tante delle persone che ho incontrato, che avevano paura di perdere il lavoro, i risparmi e di non avere più un futuro. Ma l’idea che sia tutta colpa dell’Europa crudele che ha irragionevolmente imposto l’austerity a un Paese sano, è un’illazione neo-sinistroide. La Grecia è stata mal governata per decenni e ha vissuto ben oltre i suoi mezzi.
Quando è scoppiata la crisi, il governo greco aveva un disavanzo di bilancio che superava il 10% del Pil e il settore privato si rifiutava di prestare soldi al Paese. Senza gli aiuti di Fmi e Ue, l’adeguamento all’austerità sarebbe stato immediato e molto più brutale. E nemmeno l’idea che i creditori della Grecia sono stati così inflessibili è vera. I creditori privati avevano già subito una riduzione del valore nominale del debito (haircut) nel 2012 e un notevole allungamento delle scadenze.

E poi, anche i cittadini tedeschi, olandesi, finlandesi e altri hanno tutto il diritto di preoccuparsi. Al momento dell’adesione all’euro era stato detto loro che il Trattato che istituiva la moneta unica prevedeva una clausola di “no bail-out” e questo per rassicurare i contribuenti che non avrebbero mai dovuto pagare i conti di altri Paesi dell’Eurozona.

 

Ultimo aggiornamento Sabato 18 Luglio 2015 09:32
 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.