Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Maggio 2018  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
   1  2  3  4  5  6
  7  8  910111213
14151617181920
21222324252627
28293031   

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Chiese sotto incendio? PDF Stampa E-mail
Scritto da newscattoliche.it   
Lunedì 07 Settembre 2015 00:21


Una denuncia dalla Palestina

Gli Ordinari Cattolici di Terra Santa (Aocts) hanno presentato una denuncia contro il Rabbino israeliano, Bentzi Gopstein, e il suo movimento Lehava, che lo appoggia nel sostenere e incoraggiare l’incendio delle chiese in Israele.
A darne notizia è la stessa Aocts attraverso un comunicato: “il Rabbino Gopstein, leader del Movimento ebraico estremista anti-assimilazione (Lehava), non ha esitato ad affermare che la legge ebraica propugna di distruggere gli idolatri nella terra di Israele e, di conseguenza, chiese e moschee possono essere incendiate”.
Queste affermazioni, arrivate “dopo preoccupanti atti di vandalismo contro i luoghi santi in Israele, sono inaccettabili per l’Assemblea degli ordinari cattolici di Terra santa. Esse incitano all’odio e rappresentano una vera e propria minaccia per gli edifici di culto cristiani nel Paese”. L’ultimo episodio vandalico, in ordine di tempo, è l’incendio alla Chiesa della moltiplicazione dei pani e dei pesci a Tabgha. Ma in precedenza vi sono stati tentativi di incendio e vandalismi verso il “Cenacolino”, la Basilica dell’Annunciazione a Nazareth e altri.
L’Aocts chiede dunque alle autorità israeliane di “garantire una reale tutela dei cittadini cristiani di questo Paese e dei loro luoghi di culto”. Gopstein, nel suo discorso, si è detto “a favore dell’incendio di chiese” e ha aggiunto di essere disposto, per questo, a finire in carcere, poiché la legge religiosa stabilisce di “abbattere gli idoli”.

 

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.