Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Agosto 2018  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
    1  2  3  4  5
  6  7  8  9101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Cospirano dal 2006 PDF Stampa E-mail
Scritto da informarexresistere.fr   
Lunedì 21 Settembre 2015 00:24


Ma la stampa israeliana lo aveva annunciato già  nel 2004

“L’imperialismo americano sta nelle oltre 1.400 basi militari in più di 120 paesi e negli accordi commerciali”.

Il fondatore di WikiLeaks, Julian Assange, ha presentato il suo nuovo libro, ‘I file di WikiLeaks,’ e parlando ‘dell’impero USA’ durante il programma ‘Going Underground’ di RT, ha detto che Washington aveva in programma di rovesciare il governo siriano molto prima dell’inizio della rivolta nel 2011.

In un capitolo sulla Siria, che risale al 2006, è contenuto un cavo diplomatico dell’ambasciatore statunitense William Roebuck, all’epoca di stanza a Damasco, che discute apparentemente un piano per rovesciare il governo di Assad in Siria.

“… Quel piano mirava ad utilizzare una serie di fattori diversi per creare paranoia all’interno del governo siriano; per spingerlo a reagire in modo eccessivo..”

Assange ha aggiunto che la parte più grave del piano era quella di “promuovere tensioni tra sciiti e sunniti. In particolare, diffondere notizie false … o esagerazioni e promuoverle – che l’Iran sta cercando di convertire i poveri sunniti, e lavorare con l’Arabia e l’Egitto per favorire tale percezione al fine di rendere più difficile per l’Iran avere influenza, e anche più difficile per il governo avere influenza sulla popolazione “.

Assange ha sottolineato che questo particolare cavo era “molto preoccupante”, aggiungendo che, mentre spesso si deve leggere tra le righe dei cavi, in quello era tutto molto chiaro. . 

Per capire ciò che sta accadendo dentro e intorno Siria, bisogna guardare alle alleanze regionali, ha aggiunto Assange

“Parte del problema in Siria è che il paese è circondato da alcuni alleati degli Stati Uniti, soprattutto Arabia e Qatar, che continuano ad armare i gruppi. Anche la Turchia è un attore importante. Ognuno di questi paesi ha le sue ambizioni egemoniche nella regione Israele, indubbiamente, nel caso di una sufficiente destabilizzazione della Siria, potrebbe tenersi per sempre le alture del Golan, o addirittura avanzare. Quindi hai un certo numero di giocatori che stanno cercando di strappare pezzi di Siria… ”

Assange ha detto che quando il governo degli Stati Uniti vuole qualcosa mobilita vari rami del potere americano – tra cui quello militare, dell’ intelligence, finanziario, commerciale, così come il suo potere informativo e diplomatico, al fine di “fare pressione” su un paese.

Ma le abitudini di Washington non pagano in Sud America, secondo Assange.

Assange riconosce che gli Stati Uniti sono un impero, ma non in senso classico. Il loro imperialismo sta nelle oltre 1.400 basi militari in più di 120 paesi, così come nei suoi accordi commerciali.“Washington utilizza questo meccanismo delle sue ambasciate, delle sue basi militari, della sua presenza nelle organizzazioni come le Nazioni Unite e il FMI al fine di garantire situazioni vantaggiose per le più grandi aziende americane. 

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.