Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Aprile 2018  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
        1
  2  3  4  5  6  7  8
  9101112131415
16171819202122
23242526272829
30      

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Nel caos siriano ti annetto il Golan PDF Stampa E-mail
Scritto da infopal.it   
Martedì 24 Novembre 2015 00:47


La road map israeliana della miscela del terrore

La settimana scorsa, la visita a Washington del primo ministro israeliano includeva un incontro con il presidente Obama, nel quale i due hanno discusso lo status delle alture del Golan occupate da Israele.
Israele aveva invaso e occupato il territorio siriano conosciuto come le “alture del Golan” nel 1967 e da allora vi ha mantenuto la presenza militare e civile. Ma le preteste israeliane sul territorio non sono mai state riconosciute dalla comunità internazionale.
Adesso, secondo alcuni analisti, il governo d’Israele ha una nuova ragione per garantire la loro annessione illegale: il petrolio.
A ottobre Afek, una filiale israeliana della Genie Energy con base negli Stati Uniti, ha annunciato la scoperta di enormi riserve di petrolio nella regione.
Il geologo capo della compagnia in Israele, Yuval Bartov, ha dichiarato che le riserve potrebbero potenzialmente contenere miliardi di barili di petrolio.
A ottobre, poco dopo questa scoperta, la licenza di Afek per le perforazioni esplorative è stata rinnovata dal governo israeliano per due anni.
Ma la terra in cui si trova il petrolio è in realtà territorio siriano.
E nonostante la pretesa di Israele e la sua concessione della licenza per dieci pozzi sperimentali, gli analisti ritengono che la scoperta del petrolio nel Golan potrebbe riaccendere il conflitto fra Israele e la Siria per il controllo delle alture.

 

 

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.