Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Maggio 2018  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
   1  2  3  4  5  6
  7  8  910111213
14151617181920
21222324252627
28293031   

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Ormai è un'ossessione PDF Stampa E-mail
Scritto da scenarieconomici.it   
Mercoledì 31 Gennaio 2018 00:11


CasaPound nel mirino di Soros e dei suoi compagni di ricche merende

Questo pezzo che commenta l'interessamento non ne ha colto la drammaticità:  stanno dando istruzioni e infatti lunedì mattina la Boldrini a Busto Arsizio ha concentrato la sua intera propaganda furiosa contro CPI rispondendo immediatamente all'input del padrone

L’attacco è mosso con un pezzo di Claudia Torrisi, che fra l’altro collabora con il sito pro immigrazione Open Migration. L’accusa mossa, in mancanza di altro, è piuttosto banale, e prende la mossa da una serie di interviste fatte alle donne di Casapound da diversi giornali nazionali, fra cui  Marie Claire. In queste interviste si presentavano i volti delle attiviste a CPI, soprattutto la figura di Chairaluce, chiamata, con un tocco di malcelato disprezzo “La regina dell’estrema destra italiana”.
Il contenuto dell’articolo, fondamentalmente banale, si può riassumere come segue: non vi fidate delle facce pulite, sono comunque dei fascisti violenti e buzzurri ed anche quando presentano dei volti femminili lo fanno solo per strumentalizzarli. Naturalmente a sostegno di questa tesi non vi è assolutamente nulla, dato che le attiviste sono reali, in carne ed ossa, però essendo di destra CPI deve essere sessista e maschilista, non può essere altrimenti.
Insomma, come usano sempre i giornalisti mediocri, anche quelli di Opensociety cercano nelle pieghe delle non notizie un po’ di fango da schizzare qui o la contro le persone. Notizia vera è invece che  invece  Opensociety si crea, praticamente, i giornalisti in casa, tramite borse di studio presso l’Università dell’Europa Centrale. oppure tramite lucrose fellowship.
Ormai i giornalisti, di mestiere, distorcono la realtà, e riescono a farlo molto bene quando hanno degli interessi economici alle spalle. Per fortuna la verità e la realtà stanno di fronte a tutti.

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.