Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Dicembre 2018  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
       1  2
  3  4  5  6  7  8  9
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31      

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Lo stivale rovesciato PDF Stampa E-mail
Scritto da huffingtonpost.it   
Giovedì 08 Febbraio 2018 00:19


Per difendere i nostri asset strategici hanno provato a sfuggire ai magistrati che li fucilano alle spalle

È considerato il regista occulto dell'opera di depistaggio. Piero Amara, 48 anni, arrestato oggi per corruzione, falso e associazione a delinquere, è un avvocato siracusano che ha svolto attività legale anche per l'Eni. Ritenuto molto vicino all'ex procuratore Ugo Rossi e all'ex pm Maurizio Musco, entrambi condannati per abuso d'ufficio, nel 2009 è stato condannato (pena sospesa) per accesso illecito al sistema informativo della Procura di Catania.
Due anni fa finì sotto inchiesta a Cassino in una indagine su presunti aggiustamenti in cambio di soldi di una perizia ambientale sulla raffineria di Gela. L'indagine è stata archiviata.
Fu indagato a Siracusa, insieme al suo collaboratore Alessandro Ferraro, oggi arrestato, in uno stralcio dell'inchiesta su Musco e Rossi. E nell'aprile 2017 dalla Procura di Roma per l'ipotesi di associazione a delinquere finalizzata a false fatture. Dagli accertamenti venne fuori che Amara era socio di un ex magistrato del Consiglio di Stato in una società maltese che si occupava di start-up.
Dall'inchiesta che oggi ha portato al suo arresto è emerso che Amara, insieme al socio Giuseppe Calafiore e al pm Giancarlo Longo, e grazie alla complicità di una serie di consulenti tecnici, avrebbe condizionato l'esito dei procedimenti penali aperti dalla Procura di Siracusa su alcuni suoi clienti. In particolare il pubblico ministero Longo, su input di Amara, avrebbe messo su un'indagine, priva di qualunque fondamento, su un presunto e rivelatosi falso piano di destabilizzazione dell'Eni e del suo ad Claudio Descalzi. In realtà, per gli inquirenti, lo scopo sarebbe stato intralciare l'inchiesta milanese sulle presunte tangenti nigeriane in cui Descalzi era coinvolto. I magistrati parlano di "regia occulta di Amara che, avvalendosi dell'asservimento di Longo, orchestrava una complessa operazione giudiziaria il cui fine ultimo era di ostacolare l'attività di indagine svolta dalla procura di Milano nei confronti dei vertici dell'Eni".

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.