Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Ottobre 2018  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
  1  2  3  4  5  6  7
  8  91011121314
15161718192021
22232425262728
293031    

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Sciopero delle Chiese PDF Stampa E-mail
Scritto da corriere.it   
Mercoledì 28 Febbraio 2018 00:20


Contro le tasse israeliane

Le Chiese cristiane a Gerusalemme (ortodossa, cattolica e armena) hanno deciso di chiudere  al pubblico il Santo Sepolcro. Una iniziativa senza precedenti, assunta per protesta contro la legge in discussione al parlamento israeliano sull’esproprio di terreni delle chiese e la possibilità di introdurre tasse municipali. La chiusura della chiesa, annunciata dai suoi responsabili religiosi in conferenza stampa, è cominciata a mezzogiorno circa ora locale, le 11 in Italia, e non è chiaro per quanto tempo resterà in vigore. Centinaia di migliaia di persone si recano ogni anno in pellegrinaggio al Santo sepolcro e le autorità israeliane stanno provando attualmente ad avviare una riscossione di tasse sulle proprietà delle Chiese considerate «commerciali».«Questo progetto di legge odioso deve essere affrontato domenica da un comitato ministeriale» - hanno spiegato i responsabili greco-ortodossi, apostolici armeni e cattolici. «Se venisse approvato renderebbe possibile l’espropriazione dei terreni delle Chiese».

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.