Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Giugno 2018  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
      1  2  3
  4  5  6  7  8  910
11121314151617
18192021222324
252627282930 

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Gli Usa ricattano PDF Stampa E-mail
Scritto da lastampa.it   
Martedì 13 Marzo 2018 00:16


Non cedono sui dazi se non paghiamo il loro esercito

 

L’amministrazione vuole che gli alleati salgano almeno al 2% del Pil. Il «ricatto» militare, come qualcuno lo ha ribattezzato, è un monito in particolare alla Germania accusata da Trump di essere in forte debito visto che, nonostante il Paese sia in salute, paga solo l’1% del suo Pil alla Nato. E il segretario al Commercio, Wilbur Ross, giovedì con l’annuncio dell’adozione dei dazi aveva sottolineato come le esenzioni saranno basate sugli interessi della sicurezza nazionale Usa, intesi in senso lato, dall’occupazione agli effetti su singole industrie. 
Una prima indicazione al riguardo potrebbe arrivare da Bruxelles, dove si è svolta la trilaterale Usa-Ue-Giappone. «Ho avuto un confronto franco con gli Usa sul serio problema dei dazi», riferisce la commissaria Ue al Commercio Cecilia Malmstroem. «Essendo stretto partner sulla sicurezza ed il commercio degli Usa - prosegue - l’Ue deve essere esclusa dalle misure annunciate». Malmstroem ha incontrato il rappresentante Usa per il commercio estero Robert Lighthizer e il ministro giapponese dell’Economia Hiroshige Seko. «Non c’è ancora chiarezza sull’esatta procedura Usa per l’esenzione, le discussioni proseguiranno la prossima settimana», avverte la politica svedese. Ma Trump, parlando con Macron ieri al telefono, ha ribadito che «la sua decisione è necessaria e appropriata per proteggere la sicurezza nazionale» anche se la Casa Bianca ha fatto sapere che i due leader «hanno discusso modi alternativi per affrontare le preoccupazioni degli Usa».
Chiarezza c’è invece su aliquote e scadenze: 25% sull’acciaio e al 10% sull’alluminio stranieri, ed entrata in vigore a 15 giorni dall’annuncio. Ad essere esentati dai dazi sono Canada e Messico, eccezione subordinata all’esito positivo della rinegoziazione del Nafta. A questi si aggiunge l’Australia, come ha preannunciato lo stesso Trump su Twitter. 

Ultimo aggiornamento Domenica 11 Marzo 2018 22:20
 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.