Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Agosto 2018  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
    1  2  3  4  5
  6  7  8  9101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
La meglio è sempre Berlino PDF Stampa E-mail
Scritto da italiaoggi.it   
Sabato 21 Aprile 2018 00:32


No della Merkel a nuove sanzioni alla Russia

Ovviamente non condividiamo i toni dell'articolo e plaudiamo alla scelta.

Le sanzioni economiche anti Putin? L'espulsione degli ambasciatori russi come gesto di solidarietà con la premier britannica Theresa May? A giudicare da quanto è stato deciso in Germania non più tardi di due giorni fa, si direbbe che si tratta di sceneggiate ben orchestrate, ma prive di credibilità. Una doppiezza politica che la dice lunga sui metodi di governo di Angela Merkel. Il fatto, o (meglio) il misfatto, è il seguente: martedì 27 marzo l'Authority tedesca competente sulla materia, dopo avere svolto per mesi le indagini ambientali e commerciali sulla sostenibilità del gasdotto russo-tedesco North Stream 2, ha rilasciato il verdetto finale, che ne autorizza la costruzione. Lo rivela il sito euractiv.com, che ne dà conto con dovizia di particolari.
La nuova pipeline, lunga 1.225 chilometri, collegherà direttamente i giacimenti di gas russi con la Germania, passando sotto il mare del Nord e il Baltico, e correrà per 85 chilometri sul territorio tedesco. Proprio per valutare la sostenibilità di quest'ultimo tratto, l'Agenzia federale tedesca per la navigazione e l'idrografia era stata chiamata a fornire il suo parere vincolante, che è risultato positivo. Più degli aspetti tecnici, sono però quelli politici che fanno impressione in questa vicenda, che appare come un concentrato di contraddizioni.
La prima contraddizione è sotto gli occhi di tutti: proprio mentre 22 paesi dell'Unione europea espellono un centinaio di addetti delle ambasciate russe in segno di protesta per l'avvelenamento di una ex spia russa in Gran Bretagna, e mentre persistono le sanzioni economiche contro la Russia di Vladimir Putin per quanto è accaduto in Crimea e nel Donbass negli ultimi anni, la Germania della signora Angela Merkel se ne infischia delle sanzioni e della spia avvelenata, e procede come un carro armato nella costruzione di una pipeline destinata a raddoppiare la fornitura di gas russo alla Germania, essendo ormai insufficiente quella del North Stream 1, in funzione da anni.
Come è noto, il progetto del North Stream 2 era stato malvisto fin dall'inizio dai paesi baltici (Lituania, Lettonia, Estonia), dalla Polonia e dall'Ucraina, poiché la pipeline avrebbe consentito alla Russia di Putin di aggirare tali paesi, soprattutto l'Ucraina, senza più sottostare al rischio di interruzioni nelle forniture o a logoranti trattative sul prezzo del transito. Non solo. Più volte gli Stati Uniti, fino dai tempi della presidenza di Barack Obama, avevano sollecitato l'Europa a ridurre la propria dipendenza dal gas russo, con l'intento dichiarato di ridurre i proventi monetari a favore di Putin. Una guerra del gas in piena regola, di cui ha fatto le spese soprattutto l'Italia, che ha dovuto rinunciare alla costruzione del South Stream.
La signora Merkel ha tuttavia ignorato l'opposizione dei vari paesi contrari al North Stream 2, se n'è infischiata dei veti americani, ed ha lasciato mano libera alle aziende tedesche che hanno portato avanti il negoziato con la russa Gazprom. E quando la cancelliera è stata interrogata sul merito di questa faccenda, sottolinea euractiv.com, si è limitata ad osservare che il North Stream 2 è soltanto «un progetto economico», che non richiede alcun intervento politico. Una menzogna spudorata, visto che perfino la Commissione Ue si è schierata da tempo contro il North Stream 2, giudicato «non necessario», in un quadro di politica energetica europea «diversificata e sicura».
Non solo. Proprio per ridurre la dipendenza dal gas russo, la Commissione Ue ha proposto nel 2017 una direttiva con regole più stringenti: assoggettare al benestare Ue ogni nuova pipeline per l'importazione di gas; divieto per i fornitori di gas (come la Gazprom) di possedere direttamente anche il gasdotto; tariffe non discriminatorie; operazioni trasparenti; infine la messa a disposizione di terze parti di almeno il 10% della capacità di trasporto.
Sapete che fine ha fatto la bozza di questa direttiva? Bocciata in tronco all'inizio di questo mese. Ma non ad opera della Germania. Almeno non direttamente. Bensì per iniziativa del servizio legale del Consiglio europeo dei capi di Stato e di governo, che si è opposto all'iniziativa della Commissione Ue in base a una tesi destinata a fare discutere per mesi, forse per anni: ovvero che l'Unione europea non ha giurisdizione sulle pipeline che attraversano le «zone economiche esclusive» (Eez) dei 28 stati membri. Guarda caso, un parere che sembra tagliato su misura per gli 85 km del North Stream 2 che passerà sul territorio tedesco. Vi è chiaro, ora, a cosa serve controllare la burocrazia di Bruxelles, come fa la Germania? Vi è chiaro chi comanda in Europa, perfino a dispetto delle sue direttive?

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.