Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Maggio 2018  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
   1  2  3  4  5  6
  7  8  910111213
14151617181920
21222324252627
28293031   

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
La guerra oggi si fa così PDF Stampa E-mail
Scritto da lastampa.it   
Venerdì 27 Aprile 2018 00:08


Sanzioni ed embargo mettono l'Iran con le spalle al muro

Il 12 maggio incombe, e con il possibile ritiro degli Stati Unti dall’accordo sul programma nucleare, nuove sanzioni. I timori su una stretta alle esportazioni di gas e petrolio sono così forti che l’Iran si ritrova sotto assedio economico, almeno a livello psicologico. Il rischio di un crollo dell’economia fa passare in secondo piano le minacce dell’Isis e la possibilità di una guerra diretta con Israele in Siria. Il termometro è la moneta, il rial, che ha subito una svalutazione del 60 per cento da settembre. Allora ci volevano 36 mila rial per un biglietto verde, all’inizio di aprile il cambio è crollato fino a 60 mila e ha costretto il governo a misure estreme. L’11 aprile annullato il doppio cambio, ufficiale e di mercato, e ha unificato le quotazioni a un tasso legale di 42 mila rial. E due giorni fa ha messo fuorilegge tutte le «criptomonete» che venivano usate come alternativa al rial.
I risparmiatori hanno «scommesso contro» il rial, perché temono di ritrovarsi con un mucchio di carta straccia se le sanzioni verranno reintrodotte. Hanno investito in oro, dollari, euro e bitcoin, venduto valuta locale e contribuito al collasso. Il cambio fisso era già stato sperimentato dall’ex presidente Mahmoud Ahmadinejad all’inizio del 2012, con scarsi risultati. Già nel 2013 si era tornati al doppio binario ma l’elezione del riformista Hassan Rohani aveva ridato fiato al rial. Fino all’irruzione sulla scena di Donald Trump. Rohani ha puntato tutto sull’accordo con l’Occidente e la fine delle sanzioni. La scommessa sembrava vinta nel 2016 quando la crescita del Pil è balzata all’invidiabile ritmo del 13,4 per cento, trascinata da un più 62 nel settore petrolifero. Nel 2017-2018 il boom ha frenato a un più 4,2, secondo le ultime previsioni della Banca mondiale, ma negli ultimi mesi la decelerazione si è fatta brusca.
Ha pesato l’impatto del terremoto del novembre scorso, con oltre 1700 morti, poi le proteste a cavallo di Capodanno legate al fallimento di finanziarie speculative. Ma pesa anche una politica monetaria interna che, per cercare di calmare il malcontento e ridurre la disoccupazione, pompa cartamoneta a più non posso, con la massa monetaria che ha raggiunto l’incredibile cifra di 15 «quadrillioni» di rial, 15 milioni di miliardi, circa 357 miliardi di dollari. Tanti in un’economia che nel 2017 era pari a 600 miliardi di dollari. La liquidità eccessiva genera inflazione, ora al 9,4 per cento, e il circolo vizioso rischia di affossare anche le ambizioni geopolitiche. «L’autostrada sciita», aperta da Baghdad a Beirut, ha portato i Pasdaran a confrontarsi faccia a faccia con Israele. Un collasso economico è destinato a ridimensionare queste pretese. Anche perché lo stesso Isis non è finito e dopo 10 mesi si è rifatto vivo il portavoce di Abu Bakr al-Baghdadi, Abu Hassan al-Muhajir. E in cima alla lista dei nemici da colpire, prima dell’America, ha messo la Russia e i «pagani», cioè gli sciiti, iraniani.

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.