Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Luglio 2018  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
        1
  2  3  4  5  6  7  8
  9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031     

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
L'Europa che sfida l'America PDF Stampa E-mail
Scritto da repubblica.it   
Mercoledì 04 Luglio 2018 00:14


E che si sta cercando di sgretolare in Germania

La faccia idiota del populismo. Speriamo ce finisca con l'assumere solo quella giusta.

Attraversare l'Atlantico in 2 ore. Andare da Londra a New York in 60 minuti. E' l'obiettivo rincorso da Boeing e Airbus, i due giganti aerospaziali rivali, il primo americano, il secondo europeo. Entrambe le aziende hanno presentato in questi giorni progetti per un aereo ipersonico in grado di volare a oltre cinque volte la velocità del suono: circa 6 mila chilometri orari.
I piani che potrebbero rivoluzionare i trasporti del futuro sono stati annunciati alla conferenza annuale dell'American Institute of Aeronautics and and Astronautics di Atlanta. La Boeing ha illustrato il suo programma con lo schizzo di un jet simile al Concorde: l'aereo anglo-francese che impiegava 3 ore e mezzo a varcare l'oceano fra Londra o Parigi e New York, il cui servizio fu interrotto nel 2003 dopo un tragico incidente. Il modello della Airbus è assai simile come forma del velivolo e tem
Il Concorde in ogni caso costava e inquinava troppo: economicamente, alla lunga, non funzionava. Resta da vedere se funzionerà la nuova versione allo studio di americani ed europei. Il jet ipersonico sarebbe tre volte più veloce del Concorde. Sarebbe in grado di collegare Londra e New York in un'ora e di attraversare in appena due ore perfino il Pacifico. Un portavoce della Boeing lo definisce come il mezzo ideale per i "pendolari" del ventunesimo secolo, immaginando possibile che un uomo d'affari vada avanti e indietro sull'Atlantico in giornata: un'ora al mattino da Londra a New York, un'ora la sera da New York a Londra per tornare casa.
Naturalmente bisogna tenere conto dei tempi di attesa in aeroporto: ma, come era anche per il Concorde, controlli e sale d'accesso alle partenze sarebbero accelerati per una clientela da business anzi da primissima classe. Anche i biglietti sarebbero da primissima, stando attenti tuttavia a non far diventare l'aero ipersonico più costoso di un piccolo jet privato. Trasportare una intera business class da Londra a New York, in sostanza, dovrebbe essere conveniente per ogni passeggero rispetto a noleggiare un mini-jet tutto per sé.
Ma nessun piccolo jet privato sarebbe capace di volare così in fretta, cinque volte più veloce del suono (che è di 700 chilometri l'ora). Il Concorde viaggiava a Mach2, come si chiama in gergo questa unità di misura. L'aereo ipersonico andrebbe a Mach5: 3900 miglia orarie, ovvero più di 6 mila km l'ora.
Un giornale londinese ha provato a calcolare quanto tempo durerebbero i voli con aerei di questo tipo: Londra-Parigi 4 minuti; Londra-Venezia 11 minuti; Londra-Atene 23 minuti; Londra-Dubai 52 minuti; Londra-New York 53 minuti; Londra-Tokyo 1 ora e 31 minuti; Londra-Cape Town 1 ora e 32 minuti; Londra-Los Angeles 2 ore e14 minuti; Londra-Sidney 2 ore e 42 minuti.
Se questo è il futuro dei cieli, bisognerà comunque aspettare ancora un po' per vederlo realizzato: la Boeing ammette che ci vorranno almeno 20 anni prima che il progetto diventi operativo.

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.