Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Dicembre 2018  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
       1  2
  3  4  5  6  7  8  9
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31      

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Sovranismo anche questo? PDF Stampa E-mail
Scritto da lastampa.it   
Lunedì 10 Settembre 2018 00:59


Ora Trump vuole dare la Siria a Israele

 

p.p1 {margin: 0.0px 0.0px 0.0px 0.0px; line-height: 22.0px; font: 18.0px Times; color: #000000; background-color: #ffffff} p.p2 {margin: 0.0px 0.0px 0.0px 0.0px; line-height: 22.0px; font: 18.0px Times; color: #000000; background-color: #ffffff; min-height: 23.0px} span.s1 {font-kerning: none}

Sono “molte le prove” sul fatto che il regime siriano stia preparando armi chimiche per attaccare Idlib, ultima roccaforte dei ribelli in Siria. Lo ha detto l’inviato Usa in Siria, Jim Jeffrey, citato dall’agenzia Reuters. «Ogni offensiva è per noi detestabile in quanto un’irresponsabile escalation», ha dichiarato Jeffrey, scelto per questo ruolo il 17 agosto scorso dal segretario di Stato Mike Pompeo. Washington ha avvertito nei giorni scorsi che nel caso di attacco chimico su civili reagirà con raid di rappresaglia.

Gli Usa hanno ammonito sia il presidente siriano Bashar al-Assad che il presidente russo Vladimir Putin contro un possibile attacco chimico a Idlib. Mosca ha lanciato una serie di raid aerei su Idlib martedì scorso insieme all’artiglieria dell’esercito governativo: sono morti 17 civili, compresi bambini. Mosca però accusa i ribelli di stare preparando loro un attacco chimico per poi incolpare il regime. Il ministero della Difesa ha inviato una “documentazione” all’agenzia Onu sulle armi chimiche, l’Opac.

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.