Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Maggio 2019  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
    1  2  3  4  5
  6  7  8  9101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Se riescono a mantenere debole l'Europa PDF Stampa E-mail
Scritto da Elvio Rotondo (nododigordio)   
Lunedì 28 Gennaio 2019 00:36


gli americani possono dedicarsi agli obiettivi di ripiego

Ogni quattro anni, la direzione dell’intelligence nazionale USA redige la National Intelligence Strategy (NIS), nella quale viene tracciata la minaccia verso gli Stati Uniti in termini generali e fornisce alla comunità dell’Intelligence (IC) la direzione strategica. Il 22 gennaio scorso il direttore dell’intelligence nazionale, Daniel R. Coats, in un discorso ai funzionari dell’intelligence, ha affermato che la nuova strategia esorta le agenzie a utilizzare meglio la tecnologia avanzata per migliorare gli strumenti utilizzati dagli analisti e dagli operatori.
Nel documento vengono descritti in generale i sette obiettivi della missione, le attività e i risultati necessari affinché la comunità dell’Intelligence fornisca informazioni e supporto tempestivi:

– Intelligence strategica;
– Intelligenza preventiva;
– Intelligence delle operazioni correnti;
– Cyber Threat Intelligence;
– Controterrorismo;
– Counterproliferation;
– Controspionaggio e sicurezza.

Per quanto riguarda l’ambiente strategico, la National Intelligence Strategy vede nei suoi avversari tradizionali la continua ambizione ad ottenere e affermare l’influenza, approfittando delle mutevoli condizioni dell’ambiente internazionale. Secondo il documento Russia e Cina stanno approfittando dei cambiamenti nell’ambiente strategico, che ha prevalso per quasi un secolo, per influenzare e minare gli obiettivi americani. Questi avversari rappresentano delle sfide in ambito tradizionale, non tradizionale, ibrido e asimmetrico, militare, economico e politico. È probabile che gli sforzi russi, per aumentare la propria influenza e autorità, possano continuare e potrebbero entrare in conflitto con gli obiettivi e le priorità degli Stati Uniti in più regioni.
La modernizzazione militare cinese e il continuo perseguimento della predominanza economica e territoriale nella regione del Pacifico e oltre rappresentano una preoccupazione, anche se esistono opportunità per lavorare con Pechino su questioni di reciproca preoccupazione, come l’aggressione nordcoreana e la continua ricerca della tecnologia nucleare e missilistica balistica.
Nonostante il suo impegno nel 2015 per un programma nucleare pacifico, la ricerca da parte dell’Iran di missili e capacità militari più avanzate e il continuo sostegno a gruppi terroristici, militanti e altri oppositori statunitensi continueranno a minacciare gli interessi degli Stati Uniti. Molti avversari continuano a perseguire le capacità per infliggere danni potenzialmente catastrofici agli interessi degli Stati Uniti attraverso l’acquisizione e l’uso di armi di distruzione di massa (WMD).
Nel documento si legge, inoltre, che gli avversari degli americani sfruttano sempre più i rapidi progressi della tecnologia per porre in atto minacce nuove e in evoluzione, in particolare nel settore dello spazio, del cyberspazio, dell’informatica e di altre tecnologie emergenti e dirompenti. I progressi tecnologici consentiranno a una gamma più ampia di attori di acquisire capacità sofisticate che in precedenza erano disponibili solo per gli stati dotati di risorse adeguate.
Per quanto riguarda lo spazio, gli avversari stanno aumentando la loro presenza in questo settore con piani per raggiungere o superare gli USA in alcune aree. Ad esempio, Russia e Cina continueranno a perseguire le armi anti-satellite come mezzo per ridurre l’efficacia militare e la sicurezza generale degli Stati Uniti.


 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.