Accedi



Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Ottobre 2017  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
        1
  2  3  4  5  6  7  8
  9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031     

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Mossa disperata? PDF Stampa E-mail
Scritto da repubblica.it   
Martedì 19 Settembre 2017 00:16


Il miglior alleato di Tel Aviv ora propone accordi con gli eredi di Arafat

Il movimento islamista Hamas, che controlla la Striscia di Gaza dal 2007, ha dichiarato di aver accettato le condizioni della rivale Autorità nazionale palestinese (Anp) per pacificare i rapporti tra i due movimenti. Hamas con questa decisione fa oggi un passo enorme verso la riconciliazione con Fatah (il partito che guida l'Anp) e il ritorno all'unità palestinese, accettando elezioni generali e sciogliendo il proprio esecutivo, dando le redini di Gaza all'Anp.
In una nota ufficiale, Hamas accetta di sciogliere "il comitato amministrativo, consegnare la striscia di Gaza al governo del primo ministro Rami Hamdallah, e a tenere le elezioni generali, che riguardino sia Gaza che la Cisgiordania". L'annuncio, spiega ancora la nota, arriva in risposta al processo di mediazione dell'Egitto per raggiungere la riconciliazione e porre fine alla divisione interna palestinese. Il movimento ha anche fatto sapere di essere pronto a rivedersi al Cairo con Fatah e altre fazioni per la formazione di un governo di unità.
La nota di Hamas è stata accolta positivamente da Fatah: "Un segno di buona volontà verso la riconciliazione", ha detto Hussan Badran. Per Mahmoud Aloul, nr. 2 del partito, "è una notizia incoraggiante".  La svolta "dischiude forse all'orizzonte una vera riconciliazione" dice l'ex ministro palestinese Ashraf al-Ajrami, pur sottolineando che deve trattarsi "di una mossa concreta" e che per nuove elezioni "occorre ancora tempo. Prima va ricostruita la fiducia reciproca".

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.