Accedi



Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Ottobre 2017  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
        1
  2  3  4  5  6  7  8
  9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031     

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Londra in difficoltà PDF Stampa E-mail
Scritto da ilmessaggero.it   
Lunedì 09 Ottobre 2017 00:19


La Brexit è sempre più difficile per Albione
Si riparte con la Brexit. Da oggi, lunedì 9 ottobre, a giovedì 12 c'è il quinto round negoziale sulla Brexit tra il team di Michel Barnier della Commissione europea e la squadra del ministro britannico David Davis. La settimana successiva, la Commissione dovrà riferire circa l'andamento dei negoziati al Consiglio europeo, dove si attende che i 27 prendano una posizione sull'avanzamento dei colloqui. Nei giorni scorsi, sia il presidente della Commissione Ue Jean-Claude Juncker sia lo stesso Barnier hanno espresso scetticismo sullo stato dei lavori, mentre il Parlamento europeo ha chiesto con una risoluzione votata lo scorso 3 ottobre che il Consiglio europeo neghi l'apertura della fase-due, sui rapporti post-divorzio tra Ue e Regno Unito, a meno che la prossima settimana non siano raggiunti progressi sufficienti sulla tutela dei diritti dei cittadini, sugli impegni finanziari e sulla frontiera dell'Irlanda del Nord.
La conferma delle difficoltà esistenti è giunta anche dall'ultima riunione dei rappresentati permanenti dei Paesi Ue svoltasi ieri a Bruxelles. Secondo le indiscrezioni filtrate dall'incontro e riportate dal Financial Times, il capo negoziatore europeo Michel Barnier avrebbe evidenziato che l'apertura di colloqui sul periodo transitorio al vertice Ue del 19-20 ottobre consentirebbe di aprire spazi negoziali importanti per risolvere anche la questione del conto che Londra dovrà pagare per la Brexit. E quindi compiere progressi sostanziali in un negoziato che stenta a decollare. Ma uno schieramento di Paesi nordici guidato da Germania e Francia avrebbe respinto questa opzione limitandosi ad aprire alla possibilità che il periodo transitorio proposto da May nel suo discorso di Firenze sia oggetto di una prima valutazione interna dei 27 in attesa che ci siano le condizioni per avviare ufficialmente le trattative anche sulla fase-due.
Intanto, il governo May - secondo il Sunday Telegraph - sta accantonando un fondo per miliardi di sterline nel caso in cui non si arrivasse ad un accordo finale sulla Brexit. «Miliardi di pound saranno sbloccati l'anno prossimo nel caso in cui non si facciano progressi», ha rivelato la fonte del giornale. La premier in questo modo vuole mandare un segnale di forza, in particolare ai suoi oppositori interni, i deputati Tory pro Brexit, affermando che è pronta a tutto nelle trattative con l'Ue.

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.