Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Ottobre 2020  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
     1  2  3  4
  5  6  7  8  91011
12131415161718
19202122232425
262728293031 

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Macron perde pezzi PDF Stampa E-mail
Scritto da huffingtonpost.it   
Martedì 17 Dicembre 2019 00:14


Nel caotico muro contro muro d'oltralpe

Si è dimesso in Francia Jean-Paul Delevoye, il Mister Pensioni del Governo, finito in questi ultimi giorni al centro delle polemiche a causa di incarichi che aveva omesso di dichiarare prima di assumere le sue funzioni di governo. Da parte sua, l’Eliseo ha riferito che Delevoye “verrà sostituito al più presto”, mentre in Francia continuano lo sciopero e le proteste contro la riforma previdenziale voluta da Emmanuel Macron.
Per l’attuale amministrazione del presidente Macron, le dimissioni di Delevoye rappresentano un duro colpo, in piena mobilitazione sociale contro la riforma delle pensioni e alla vigilia della nuova manifestazione nazionale indetta dai sindacati.

È indetto uno sciopero generale, mentre continuano le proteste nei trasporti che stanno quasi paralizzando la regione parigina dal 5 dicembre, con il rischio che non ci sia neppure una tregua per le festività ormai prossime. Malgrado i ripetuti appelli alla tregua, c’è chi adesso teme che i blocchi possano davvero spingersi anche oltre Natale, anche perché all’orizzonte non sembra emergere alcun compromesso. A cominciare dalla spinosa questione dell’età d’equilibrio a 64 anni che ha ricompattato le parti sociali.
Nominato da Macron nel 2017 per preparare la riforma, il ‘Mr. Pensioni’ accusato di conflitto di interessi - ben 13 sono gli incarichi che ha omesso di dichiarare prima di assumere le sue funzioni nel governo - ha riconosciuto di aver “peccato di leggerezza”, tuonando tuttavia contro “gli attacchi violenti” e le “menzogne” di cui è stato oggetto in questi ultimi giorni. Accuse che a suo avviso puntano soprattutto a bloccare la riforma delle pensioni, che lui ritiene invece “essenziale per la Francia”.

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.