Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Novembre 2022  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
   1  2  3  4  5  6
  7  8  910111213
14151617181920
21222324252627
282930    

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Spudorati delinquenti PDF Stampa E-mail
Scritto da noreporter   
Venerdì 30 Settembre 2022 00:45


I russi annettono, con la forza e con la truffa, le zone occupate e martoriate dalle loro truppe imperialiste

Oggi viene proclamata l'annessione alla Russia delle terre occupate dall'invasore che si sarebbero proclamate russe per pleboscito.
Un "referendum" con la gente precettata con il kalashnikov, in cui una persona da sola poteva votare per tutta la famiglia (e magari stabilire il numero dei suoi componenti), le urne trasparenti, le schede alla vista di tutti, soldati e contractors che potevano votare, e in aggiunta voti di presunti profughi in Russia.
Voto al quale chiaramente non partecipano i milioni di cittadini che hanno fuggito l'occupazione in questi otto anni, le decine di migliaia di assassinati e prigionieri e gli innumerevoli deportati, vittime di questa replica grottesca dell'Holodomor staliniano.

Almeno, in Occidente, per i brogli usano algoritmi e sistemi sofisticati, e anche questo è sintomo di civilizzazione.
Quei bifolchi prepotenti e ipocriti sono intanto riusciti a dimostrarci che il peggio non è quello che credevamo, ma la sua caricatura: la copia mal riuscita dell'incultura mafiosa americana, ché tale è oggi la Russia. Si vadano a nascondere! Essi e i loro tirapiedi.

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.