Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Novembre 2019  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
      1  2  3
  4  5  6  7  8  910
11121314151617
18192021222324
252627282930 

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
IL CENTRO WIESENTHAL SCEGLIE BERLUSCONI PDF Stampa E-mail
Scritto da Gianna Pontecorboli   
Venerdì 17 Settembre 2004 01:00

Per la nota organizzazione sionista Berlusconi potrebbe essere il leader giusto per presentare tra pochi giorni all’Assemblea Generale dell’Onu una piccola risoluzione di tre paragrafi per dichiarare che le bombe suicide sono un crimine contro l’umanità.

Il desiderio del rabbino Abraham Cooper, da quasi trent’anni braccio destro di Simon Wiesenthal al Simon Wiesenthal center di Los Angeles e’ molto semplice. Berlusconi, spiega, potrebbe essere il leader giusto per presentare tra pochi giorni all’Assemblea Generale dell’Onu una piccola risoluzione di tre paragrafi per dichiarare che le bombe suicide sono un crimine contro l’umanita’. ‘’Abbiamo bisogno’’, dice,’’ di un paese che prenda l’iniziativa per avviare il processo’’.
L’idea che il centro californiano persegue e’ nata alla fine dello scorso anno da un gruppo di accademici americani, Da dicembre , il Simon Wiesental, l’organizzazione ebraica nata per assicurare alla giustizia i criminali nazisti, ne ha fatto ufficialmente una delle sue battaglie.
‘’La nostra ragione e’ duplice’’,spiega il rabbino Cooper,’’ la prima e’ un segno di solidarieta’ da parte di tutti i paesi con l’affermazione che questo tipo di comportamento e’ inaccettabile e criminale. La seconda e’ di dare alle vittime, alle famiglie delle vittime e anche agli stati un meccanismo legale per perseguire chi promuove queste azioni’’.
La legge internazionale come e’ ora, puntualizza il rabbino, e’ diretta contro quei gruppi che possono essere legati direttamente ai governi che li sponsorizzano. Ma questo, nella situazione attuale, non e’ piu’ il caso. ‘’Non e’ il modo di operare di Al Qaeda, ne’ di quegli sceicchi che dal Qatar mandano in giro il loro messaggio attraverso Internet o Al Jazeera. Eppure sono loro che creano la cultura dell’odio ’’dice.
Per promuovere l’iniziativa, il centro Simon Wiesenthal si muove attivamente ormai da mesi, i suoi rappresentanti hanno incontrato il Papa in Vaticano , il rappresentante dell’Unione Europea, Xavier Solana, i ministri degli esteri di 18 diversi paesi.
‘’Il Papa si e’ mosso molto in fretta e ci e’ stato molto utile’’, racconta Abraham Cooper,’’ Lo abbiamo incontrato, credo, all’inizio di dicembre e proprio il giorno dopo ha ricevuto in Vaticano un gruppo di cristiani e musulmani e ha detto loro in termini molto semplici che questo tipo di azioni non puo’ essere giustificato invocando il nome di Dio’’.
In quasi un anno, pero’, la strada verso una risoluzione dell’Onu si e’ scontrata contro tutta una serie di ostacoli tanto ambigui e sfuggenti quanto difficili da sormontare.
‘’Quello che ci serve e’ uno stato, abbiamo tentato con l’America Latina, siamo in contatto con la Turchia, il primo ministro ci ha giusto scritto, abbiamo scritto perfino a Bush e Kerry, anche se non crediamo che gli Stati Uniti siano il paese giusto, la Turchia o un paese europeo sarebbero meglio. Speravamo, considerando anche che tante vittime sono musulmane, che qualcosa si sarebbe mosso, ma per ora non e’ancora successo ‘’, ammette il rabbino,’’Ci vuole una volonta’ politica, la determinazione a tracciare una linea. D’altra parte, dopo quello che e’ successo in Russia, se la comunita’ internazionale non trovera’ un accordo quando si riunira’ tra qualche giorno all’Onu, vuol dire che ci avviamo a gran velocita’ a un nuovo oscurantismo’’.
A legare le mani della comunita’ internazionale, secondo l’opinione del centro Simon Wiesenthal, e’ soprattutto quella che Cooper definisce ‘’la tirannia della maggioranza’’ all’interno del Palazzo di Vetro, la percezione, in altre parole, che il blocco dei paesi islamici finirebbe per bloccare l’idea. ‘’ Non credo che sia una percezione giusta’’, asserisce il rabbino,’’solo negli ultimi giorni una parte significativa dell’opinione pubblica araba si e’ schierata contro quello che e’ successo nella scuola russa. E poi questa questione non ha niente a che fare con il conflitto israelo-palestinese, la piaga e’ cominciata in Sri Lanka e ora fa sempre piu’ vittime musulmane in tutto il mondo’’. La soluzione, comunque, potrebbe venire da un’Italia sdegnata e coraggiosa. ‘’Se Berlusconi o un altro importante politico italiano sollevasse

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.