Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Novembre 2019  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
      1  2  3
  4  5  6  7  8  910
11121314151617
18192021222324
252627282930 

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Più Chrys che ler PDF Stampa E-mail
Scritto da agi   
Domenica 12 Aprile 2009 10:21

Gli americani ora sono favorevoli ai fallimenti delle fabbriche auto

Tre americani su quattro pensano che il governo dovrebbe lasciare che colossi dell'auto come General Motors o Chrysler falliscano, anziché cercare di salvarli. E' quanto rileva un sondaggio realizzato dalla Cnn e dalla Opinion Research Corporation, in cui è evidenziato che da quando la crisi del settore auto ha assunto dimensioni drammatiche è calato sensibilmente il numero di americani che pensa che l'economia Usa peggiorerebbe se le aziende automobilistiche andassero in bancarotta. Nel dicembre scorso infatti era il 66% a pensare che le compagnie automobilistiche erano troppo grandi perché le si lasciasse fallire: ora è di questo parere il 47% degli intervistati. In
sostanza la bancarotta dei colossi automobilistici non fa più paura, anzi: oltre la metà degli statunitensi (55%) pensa che il fallimento del settore auto non avrebbe nessuna ripercussione nella loro vita. General Motors e Chrysler hanno ricevuto 17,4 miliardi di dollari di aiuti pubblici da dicembre scorso e sono ancora sull'orlo del collasso.

 

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.