Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Ottobre 2020  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
     1  2  3  4
  5  6  7  8  91011
12131415161718
19202122232425
262728293031 

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
In linea con la crisi PDF Stampa E-mail
Scritto da ansa   
Martedì 21 Aprile 2009 06:50
 

Faremo la fame ma gli esperti ci rassicurano: la nostra magrezza sarà ecologica

Essere in linea fa benissimo non solo alla nostra ma anche alla salute dell'ambiente: infatti riduce le emissioni di gas serra causate dalla produzione di cibo, una delle principali fonti di emissioni, e dall'uso dell'automobile, che risulta proporzionale ai chili di troppo. Lo rivela uno studio di Phil Edwards e Ian Roberts della London School of Hygiene & Tropical Medicine pubblicato sull'International Journal of Epidemiology. I ricercatori hanno calcolato che una popolazione di un miliardo di persone magre emetterebbe ogni anno un miliardo di tonnellate di CO2 in meno rispetto allo stesso numero di persone grasse. L'indice di massa corporea (IMC) del mondo occidentale sta continuando a salire senza freno: tra 1994 e 2004 l'IMC medio in Gran Bretagna è salito per i maschi da 26 a 27,3, per le femmine da 25,8 a 26,9 (circa 3 kg di più). Inoltre gli esperti hanno calcolato che una popolazione magra come quella del Vietnam consuma il 20% in meno di cibo e produce meno gas serra rispetto a una popolazione in cui il 40% degli individui è in sovrappeso, come in America. Non solo chi mangia di più inquina di più perché la produzione di cibo è la principale fonte di emissioni, ma anche perché di solito chi è obeso o in sovrappeso preferisce andare in macchina, contribuendo a inquinare anche in questo modo.

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.