Commedia Onu, atto secondo Stampa
Scritto da Agi   
Sabato 06 Novembre 2004 01:00

Ora si sa con certezza chi è la controparte della farsa - che forse prevede qualche risvolto tragico - con la quale s'intende rilanciare l'Onu nell'azione imperial/captal/narco/terrorista americana alle porte dell'Europa.

I colloqui faccia-a-faccia tra rappresentanti del governo di Kabul e dell'Onu con i miliziani che tengono in ostaggio i tre operatori stranieri delle Nazioni Unite sono iniziati. Lo ha rivelato un componente del gruppo terroristico alla Reuters.
Sabir Mohmin ha reso noto che il leader di Jaish-e Muslimeen (l'Esercito dei musulmani), un gruppo scissionista dei talebani, si sta incontrando in una localita' segreta con sei rappresentanti del governo centrale e delle Nazioni Unite per negoziare il rilascio dei tre: la nordirlandese Annetta Flanigan, la kosovara Shqipe Habibi e il diplomatico filippino Angelito Nayan, sequestrati il 28 ottobre a Kabul.
Gli uomini di Jaish-e Muslimeen minacciano di uccidere i tre ostaggi se non saranno rilasciati i detenuti di al-Qaeda e talebani rinchiusi nelle carceri afghane e a Guantanamo Bay; e hanno fissato un nuovo ultimatum per stanotte. "Per parte nostra, c'e' Akbar Agha, e dall'altra sei inviati del governo afghano e delle Nazioni Unite", ha detto Mohmin raggiunto con un telefono satellitare