Natale e i pastori Stampa
Scritto da Agi   
Martedì 21 Dicembre 2004 01:00

Ma non è il presepe. È la singolare protesta all’aeroporto di Cagliari contro l’imposizione della quota/latte. Unione Europea vuol dire sempre più dittatura e povertà

Cagliari, 21 dic. - Caos e pesanti disagi per i passeggeri nell'aeroporto di Cagliari-Elmas per una clamorosa protesta dei pastori nell'ambito della vertenza sul prezzo del latte. Sin dall'alba gli allevatori aderenti alla Coldiretti hanno bloccato con cinque trattori l'accesso alla strada che collega la statale 130 all'aerostazione. In decine, con bandiere e striscioni, hanno impedito l'accesso alle auto costringendo i passeggeri, con tanto di bagagli, a una lunga camminata a piedi sotto la pioggia. Il passaggio e' stato concesso solo ad auto e taxi che trasportavano persone con problemi di salute. Il primo volo per Roma delle 6.35 e' partito con un notevole ritardo perche' l'aereo ha atteso i passeggeri che sono riusciti a raggiungere a piedi lo scalo. Piu' lieve il ritardo del volo successivo mentre non e' ancora partito quello delle 8.50. Sul posto sono intervenuti polizia, carabinieri e vigili urbani anche per evitare disordini a causa dell'esasperazione di passeggeri e manifestanti che, in alcuni casi, hanno sbeffeggiato le persone costrette a raggiungere l'aerostazione a piedi. I disagi piu' pesanti si registrano per chi arriva all'aeroporto in quanto nessun mezzo, al momento, puo' entrare o uscire.