Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Luglio 2018  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
        1
  2  3  4  5  6  7  8
  9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031     

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Non ditelo ai nostri PDF Stampa E-mail
Scritto da wallstreeitalia.com   
Martedì 02 Gennaio 2018 00:15


che sono ingannati da Londra, ma l'Euro sta bene

La valuta che si comporterà meglio il prossimo anno? Oltre al dollaro statunitense è l’euro.
Utilizzando la piattaforma di analisi dei dati Kensho, la CNBC ha esaminato il rendimento medio di sterline, euro e yen rispetto al dollaro all’inizio di un nuovo anno e si è concluso che negli ultimi tre anni, si sta meglio con l’euro.
“L’anno scorso, la maggior parte della gente ha avuto l’idea che il dollaro americano avrebbe corso ancora grazie anche alle politiche del presidente Trump”.
Così ha detto Itay Tuchman, membro del commercio di valuta estera a Citi.
“Aggiungiamo a questo anche il fatto che sia l’EUR (euro) che la GBP (sterlina) stavano affrontando notevoli incertezze da un punto di vista politico, che le avrebbero tenute sotto pressione”.
Guardando l’ultima settimana di negoziazione del 2016 e la prima settimana del 2017, l'euro ha dato un rendimento medio 0,73 per cento contro il dollaro. Sia la lira sterlina che lo yen hanno invece prodotto rendimenti negativi.
“Entrando nel 2017, l’Europa è stata per lo più oscurata dall’incertezza politica con tre elezioni chiave all’orizzonte. Tuttavia, la sua storia di crescita ha compensato alcune delle preoccupazioni politiche. La regione è infine tornata a crescere dopo anni di crisi economica. (…) anche il Regno Unito è stato coinvolto nell’incertezza economica a seguito della sua decisione di lasciare l’Unione europea e il Giappone aveva visto una crescita lenta nel 2017, con le sue banche centrali tagliare i tassi, e quindi deprezzando lo yen”.
Un anno prima, l’ alba del 2016 mostrava un quadro simile. Sebbene tutte le valute analizzate abbiano prodotto rendimenti negativi, ciò non è stato così profondo per l’euro. Tuttavia, con l’ ingresso del mondo nel 2015, il ritorno dell’ euro rispetto al dollaro è stato negativo del 2,55%, soprattutto a causa della profonda crisi economica che l’Europa stava attraversando.
Come prepararsi per il 2018?
“Anche se abbiamo visto qualche progresso nelle negoziazioni di Brexit, probabilmente la sterlina rimane ancora una valuta che alcuni investitori hanno mantenuto sottopeso e potrebbe sorprendere (…) mentre entriamo nel 2018, c è una visione meno consensuale sul dollaro americano, anche se la maggior parte delle persone crede che la debolezza del biglietto verde possa persistere. I rischi politici in Europa e nel Regno Unito sembrano molto ridotti, la BOE ha aumentato i tassi già una volta e mentre i tassi di politica rimangono accomodanti nell’Eurozona e in Giappone, in questi giorni si parla ancora di quando la Banca Centrale Europea e la Banca del Giappone porranno fine ai loro programmi di allentamento quantitativo e nel caso dell’ Europa, aumenteranno i tassi“.

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.