Accedi



Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Gennaio 2018  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
  1  2  3  4  5  6  7
  8  91011121314
15161718192021
22232425262728
293031    

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
L'oroscopo americano è brutto assai PDF Stampa E-mail
Scritto da wallstreeitalia.com   
Giovedì 04 Gennaio 2018 00:15


Trump dovrà navigare nella tempesta

Il 2017 è entrato negli annali come un anno nero per la grande distribuzione americana, che ha registrato un numero di chiusure da record. A quanto pare, il peggio non è ancora arrivato.
Secondo un report pubblicato dalla società immobiliare Cushman & Wakefield, nell’anno appena iniziato il numero di magazzini che chiuderanno i battenti salirà del 33% rispetto al 2017 superando quota 12 mila.
Un vero e proprio tsunami che sta creando il panico tra i proprietari di immobili, che rischiano perdere una fortuna in affitti.
“I proprietari sono in preda al panico”, ha dichiarato Larry Perkins, CEO e fondatore della società di consulenza SierraConstellation Partners. “L’ultimo anno è stato piuttosto apocalittico dal punto di vista del commercio al dettaglio e la situazione non è cambiata: continuerà ad esserci un alto numero di fallimenti e di conseguenza di chiusure di negozi”.
Ricordiamo che nel 2017 sono state dozzine i rivenditori tra cui Macy’s, Sears e J.C. Penney che ha chiuso i battenti: complessivamente le stime parlano di circa 9.000 chiusure. Un livello che supera di gran lunga i livelli di recessione, mentre 50 catene hanno presentato istanza di fallimento.

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.