Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Settembre 2018  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
       1  2
  3  4  5  6  7  8  9
10111213141516
17181920212223
24252627282930

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
La vedono dura PDF Stampa E-mail
Scritto da wallstreeitalia.com   
Lunedì 26 Febbraio 2018 00:10



Pagheremo care le crisi del debito

I paesi del Nord Europa chiedono regole più severe in caso di futuri crisi del debito nella zona euro. In particolare, il ministro delle finanze dei Paesi Bassi, Wopke Hoekstra, ha detto al Financial Times, che, qualora si ripresentassero future crisi del debito, come quelle della Grecia, è necessario che anche gli investitori accettino una svalutazione del debito (Bond) nelle loro mani.
Un cambio auspicato anche da altri paesi più virtuosi, come Austria e Finlandia, stanchi del fatto che a pagare i costi delle crisi dei paesi più indebitati siano i loro contribuenti.
“È essenziale qualora le cosa vadano male. In pratica, chiediamo che gli individue e le aziende in possesso delle obbligazioni governative paghino parte del conto” ha detto Hoekstra al quotidiano economico britannico, specificando che si tratta di una mossa ritenuta “onesta”.
Tuttavia, la prospettiva di far subire agli investitori perdite sul debito dell’Eurozona, di solito considerato un asset finanziario ultra-sicuro, solleva critiche e preoccupazioni soprattutto tra i paesi meno rigorosi, Francia e Italia prima di tutto.
“Ovviamente ci sono diversi punti di vista in tutta la zona euro. Ho ascoltato attentamente ciò che gli altri hanno detto e c’è un gruppo abbastanza consistente che vede questa come una soluzione futura“, ha detto, specificando che l’Austria e la Finlandia sono nel campo olandese.
Ma smettiamola di prendercela con il Nord Europa o con la Ue, prendiamocela con noi che sarebbe ora!

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.