Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Ottobre 2018  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
  1  2  3  4  5  6  7
  8  91011121314
15161718192021
22232425262728
293031    

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
La Cina vuole il mondo PDF Stampa E-mail
Scritto da repubblica.it   
Martedì 13 Marzo 2018 00:20


Xi Jinpeng acclamato per la sua linea assertiva che minaccia i nostri spazi vitali

Contrari due. Astenuti tre. Favorevoli duemilanovocentocinquantotto. Nella Grande Sala del Popolo l'applauso dei delegati dura venti secondi. Se aveva bisogno di una dimostrazione della sua forza, di averla e di darla allo stesso tempo, oggi Xi Jinping l'ha ottenuta. La riforma della Costituzione che toglie il limite dei due mandati presidenziali, spianandogli la strada per restare al potere oltre il 2023, potenzialmente anche a vita, viene approvata dall'Assemblea nazionale del Popolo cinese con una maggioranza senza precedenti. Anche per questa specie di Parlamento, la cui funzione in realtà è solo prendere atto delle scelte del Partito: la precedente riforma della Costituzione, nel 2004, aveva visto comunque 10 voti contro e 17 astenuti.
E così Xi, disteso e addirittura sorridente durante il voto e il conteggio, cancella con un colpo di spugna, e senza incontrare evidenti opposizioni dentro o fuori dal Partito, vent'anni di storia recente della Cina. Le ultime due generazioni di leader avevano entrambe rispettato l'orizzonte decennale codificato negli anni '90, per evitare derive autoritarie in stile Mao. Ma questa non è l'unica novità che il voto porta: con le modifiche approvate oggi il contributo ideologico di Xi Jinping, il "socialismo con caratteristiche cinesi per una nuova era", entra nel preambolo della Costituzione, a fianco di quelli di Mao e di Deng Xiaoping. Insieme a un riferimento al ruolo "fondamentale" che la leadership del Partito Comunista gioca per questo progetto.
L'obiettivo di Xi Jinping è quello della "rinascita" cinese, una modernizzazione del Paese che lo porti entro il 2035 al livello degli Stati Uniti. E grazie a questa modifica alla Costituzione, fatta passare prima all'interno del Partito e poi nella docile Assemblea nel giro di pochi mesi, si assicura il tempo per raggiungere quel traguardo. Secondo la versione ufficiale, il pacchetto di emendamenti è in realtà una richiesta arrivata dal popolo e dalla base del Partito. Negli ultimi giorni sui quotidiani ufficiali diversi editoriali hanno spiegato che aver tolto il limite dei due mandati non fa che allineare la carica di presidente a quelle ben più importanti di segretario del Partito e comandante delle forze armate, che non prevedono durata massima. Ma secondo molti osservatori internazionali l'accentramento di poteri nelle mani di Xi è senza precedenti e un passo indietro per lo stato di diritto cinese. "La Costituzione è fondamentale", aveva detto Xi Jinping qualche giorno fa. Per questo, oggi, l'ha cambiata.

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.