Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Luglio 2018  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
        1
  2  3  4  5  6  7  8
  9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031     

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Disface book PDF Stampa E-mail
Scritto da ilsole24ore   
Martedì 03 Aprile 2018 00:14


Se Zuckerberg vende le sue azioni

Tra chi ha venduto in queste settimane il titolo Facebook portandolo ai minimi da nove mesi c’è l’ultima persona da cui ci si aspetterebbe un simile comportamento: il numero uno della società Mark Zuckerberg. Stando alle rilevazioni di internal dealing nelle due settimane in cui la sua creatura ha perso 73 miliardi di capitalizzazione il fondatore si è disfato di circa 863mila azioni per un controvalore di oltre 140 milioni di dollari. Nell’ultimo mese e mezzo Zuckerberg ha venduto azioni Facebook per un controvalore superiore a 645 milioni di dollari. La quota di azioni Facebook nel portafoglio del fondatore è scesa oggi al 13,5% del capitale. Ai minimi storici.
Se ha fatto quello che ha fatto Zuckerberg avrà avuto le sue buone ragioni ma viene da chiedersi: che segnale dà all’esterno con un simile comportamento? In passato molti top manager di aziende in crisi hanno scelto di comprare le azioni delle società che amministravano per dare un segnale di fiducia sul futuro. Zuckerberg ha fatto l’esatto opposto e indirettamente il messaggio che manda all’esterno è quello di un oste che non beve il suo vino perché non è buono.

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.