Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Luglio 2018  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
        1
  2  3  4  5  6  7  8
  9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031     

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Apocalypse quit now PDF Stampa E-mail
Scritto da wallstreeitalia.com   
Martedì 10 Aprile 2018 00:11


Previsioni catastrofiche per l'economia

Recessione e calo del 40% delle azioni: questo il prossimo futuro così come lo vede Scott Minerd, Chief Investment Officer di Guggenheim, che ha avvertito i suoi clienti in una nota recente che il mercato è in “rotta di collisione con il disastro”.
“Questo comporterà una recessione, un crollo del 40 per cento del mercato azionario e un default del debito delle imprese”, ha scritto Minerd con i suoi toni spesso provocatori.
Secondo Minerd la Federal Reserve interverrà per arginare la crisi, ma non farà che peggiorare la situazione. Il responsabile degli investimenti di Guggenheim intravede una strada difficile per il mercato e per l’economia, con i danni più gravi che si concentreranno tra la fine del 2019 e l’inizio del 2020.
Insieme al calo del mercato azionario, è probabile che si verifichi un aumento dei fallimenti di obbligazioni societarie a seguito dell’aumento dei tassi d’interesse da parte della Federal Reserve e della difficoltà delle imprese a pagare i livelli record di indebitamento.
“Per il prossimo anno … le azioni continueranno probabilmente a salire (…) In definitiva, quando i nodi verranno al pettine e avremo una recessione, assisteremo a una forte pressione sui titoli azionari, soprattutto a causa dell’aumento dei default, penso che una volta raggiunto un picco, probabilmente assisteremo a una rivalutazione del 40% dei titoli azionari”.
Uno dei problemi principali è che il Congresso e il Presidente Donald Trump hanno portato avanti politiche fiscali aggressive in un momento in cui la Fed sta cercando di controllare la crescita con tassi di interesse più alti e una politica monetaria meno accomodante. Il debito aziendale attualmente si trova a un record di 8.830 miliardi di dollari, secondo i dati della Securities Industry and Financial Markets Association.
“Le aliquote più elevate renderanno più difficile il rifinanziamento delle imprese e eserciteranno pressioni una volta esauriti gli effetti stimolanti dei tagli fiscali (…) Una volta che i tassi a breve avranno raggiunto il 3%, questo sarà sufficiente per far salire i default e causare una recessione (…) Poiché i tassi d’interesse continuano a salire, con livelli record di debito aziendale sarà sempre più difficile fermarlo (…) I fallimenti si concentreranno nell’America delle imprese, dove in passato la crisi si era concentrata essenzialmente sulle aree di attività dei consumatori”.

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.