Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Luglio 2018  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
        1
  2  3  4  5  6  7  8
  9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031     

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Dazi amari PDF Stampa E-mail
Scritto da wallstreeitalia.com   
Giovedì 12 Aprile 2018 00:13


Rischiano d'impennarsi i costi delle materie prime

Le ombre di una guerra commerciale all’orizzonte innescate dalle tariffe imposte da Donald Trump arrivano anche sul mercato delle materie prime.
Secondo Barnabas Gan, economista della Banca OCBC, proprio le materie prime sono le vittime designate del protezionismo made in Usa e rischiano una disfatta fino al 30%. Per Gan ci saranno molte oiù conseguenze negative per le materie prime se l’attrito commerciale tra gli Stati Uniti e la Cina si dovesse intensificare e trasformare in un vero e proprio scontro. Il rischio di perdite di metalli e petrolio potrebbe essere anche di un terzo.
“Le materie prime legate alla crescita potrebbero potenzialmente essere in un anno recessivo, con il petrolio e i metalli in caduta libera tra il 10% e il 30%”.
Gan aggiunge che si potrà essere un balzo nella domanda di beni rifugio con l’oro sopra i $ 1.600 dollari. Per mettere le cose in prospettiva, un calo del 30% del petrolio significa un ritorno del greggio ai livelli di 40 dollari, mentre l’ultima volta che i prezzi dell’oro hanno superato i 1.600 dollari era nel 2013.
Tuttavia, egli osserva che “almeno per ora, le minacce tariffarie commerciali sono solo minacce”.

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.