Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Luglio 2018  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
        1
  2  3  4  5  6  7  8
  9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031     

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Un tutti contro tutti? PDF Stampa E-mail
Scritto da ansa   
Venerdì 13 Aprile 2018 00:26


Il Fondo Monetario inizia a preoccuparsi

''I governi devono evitare il protezionismo in tutte le sue forme. La storia ci insegna che le restrizioni all'import fanno male a tutti, soprattutto ai consumatori piu' poveri''. Lo afferma il direttore generale del Fmi, Christine Lagarde, sottolineando che ''il sistema di scambi commerciali internazionali ha trasformato il mondo. Ma questo sistema di regole e responsabilita' condivisa corre ora il pericolo di essere distrutto. Questo sarebbe imperdonabile, un fallimento collettivo''.
Lagarde lancia anche l'allarme debito: quello pubblico e privato ha raggiunto a livello globale la quota record di 164.000 miliardi di dollari. Il direttore generale del Fmi osserva come il debito pubblico nelle economie avanzate e' a livelli non visti dalla Seconda Guerra Mondiale. ''Un debito elevato rende i governi, le aziende e le famiglie piu' vulnerabili a una stretta delle condizioni finanziarie'' mette in evidenza.
Lagarde lancia poi un monito agli Stati Uniti ed in particolare all'amministrazione Trump in merito alla guerra commerciale con la Cina, sottolineando che i dazi non sono la ''strada migliore'' per affrontare gli squilibri commerciali. I dazi, sottolinea infatti, ''potrebbero aiutare ad affrontare gli squilibri globali riducendo la dinamica della spesa pubblica e aumentando le entrate fiscali''.
Il Fmi, fa sapere infine, è ''ottimista'' sulla crescita economica mondiale e sottolinea che ''i governi dovrebbero usare l'attuale crescita per portare avanti le riforme: la finestra di opportunita' e' aperta, e' necessario - dice ricorrendo a una metafora - riparare il tetto nei periodi in cui splende il sole''. Le riforme ''necessarie sono spesso spesso politicamente difficili - ammette Lagarde -, ma sono piu' efficaci e facili da attuare quando le economie crescono''. Lagarde quindi cita Henri Matisse: ''la creativita' richiede coraggio'' dice riferendosi alle scelte che i politici si trovano davanti. ''Abbiamo bisogno di piu' coraggio, nelle stanze dei governi, nelle aziende, e nelle nostre menti''.

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.