Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Agosto 2018  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
    1  2  3  4  5
  6  7  8  9101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Alla fine è più efficace di Marine PDF Stampa E-mail
Scritto da ilgiornale.it   
Mercoledì 02 Maggio 2018 00:04


Quelle suggestioni da Front National

Niente stretta di mano, niente cittadinanza. Il diktat, severissimo, arriva dalla Francia, emesso dall'amministrazione statale e confermato dalla magistratura transalpina.
Come riporta The New York Times, lo scorso 11 aprile il Consiglio di Stato di Parigi ha emesso una sentenza destinata a fare scuola: una donna algerina che al momento della cerimonia di naturalizzazione si era rifiutata di stringere la mano ai funzionari d'Oltralpe ha perso il proprio diritto ad ottenere la cittadinanza francese. Una decisione - quella dei magistrati parigini - che conferma quanto statuito nel 2016 a Grenoble, quando la concessione della cittadinanza venne immediatamente sospesa e cancellata su due piedi.
All'epoca la donna si era rifiutata di dare la mano al funzionario locale del governo e al rappresentante delle istituzioni locali, entrambi maschi, adducendo presunte motivazioni religiose (anche se la sua affiliazione religiosa non è ancora ufficialmente nota). Fermissima e subitanea la reazione delle autorità francesi, confermata quasi due anni dopo dalla suprema magistratura amministrativa transalpina: il rifiuto di stringere la mano, sostengono i giudici del Consiglio di Stato nella loro sentenza, tradisce una mancanza di integrazione, per di più in un luogo e in un momento altamente simbolici.

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.