Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Luglio 2018  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
        1
  2  3  4  5  6  7  8
  9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031     

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Ecco perché stiamo uscendo dalla storia PDF Stampa E-mail
Scritto da lastampa.it   
Martedì 15 Maggio 2018 00:12


Serve subito un esecutico forte

«Abbiamo bisogno di un ulteriore strumento di bilancio per mantenere la convergenza (fra i Paesi, ndr) durante grandi shock, senza dover aggravare i compiti della politica monetaria». Lo ha detto il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi, prendendo posizione nel negoziato per riformare l’architettura istituzionale dell’Eurozona. Draghi ha evidenziato il ruolo centrale della Bce nel gestire la crisi, di fatto invitando gli Stati a creare una rete di sicurezza basata sul bilancio europeo.
«Tre quarti dei cittadini dell’Eurozona ora sono a favore della moneta unica». Lo ha sottolineato il presidente della Bce, Mario Draghi, durante lo State of the Union a Palazzo Vecchio.
I cittadini europei - ha detto Draghi - «si aspettano che l’euro dia la stabilità e la prosperità promesse» ed «è nostro dovere, come autorità, ricambiare la loro fiducia».
Negli Stati Uniti «i trasferimenti di bilancio fra gli Stati attraverso il bilancio federale assorbono circa il 10% degli choc secondo le stime».
Lo ha rilevato il presidente della Banca centrale europea Mario Draghi, notando che la situazione non è troppo diversa dall’EUrozona «nella misura in cui i singoli Paesi possono usare liberamente la politica fiscale» per contrastare fasi di recessione nazionale.

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.