Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Giugno 2018  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
      1  2  3
  4  5  6  7  8  910
11121314151617
18192021222324
252627282930 

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Con il sostegno dei 51 Stelle PDF Stampa E-mail
Scritto da repubblica.it   
Venerdì 01 Giugno 2018 00:02


che vogliono chiudere l'Ilva parte l'attacco a noi

 

L'amministrazione di Donald Trump si appresta a colpire l'Unione europea con le annunciate pesanti tariffe commerciali sull'acciaio e l'alluminio importati negli Usa. Lo scrive il Wall Street Journal, secondo cui le trattative degli ultimi due mesi sulla possibile esenzione per i 28 Paesi del Vecchio Continente sono fallite.
Lo scorso marzo, Trump ha annunciato tariffe del 25% sull'acciaio importato negli Usa e del 10% sull'alluminio, per motivi di sicurezza nazionale. La Casa Bianca ha poi deciso di estendere fino a venerdì primo giugno il termine per l'applicazione di questi dazi acconsentendo a un'esenzione temporanea per una serie di realtà (tra cui Ue, Argentina e Brasile), con l'obiettivo di arrivare ad un'intesa che scongiurasse la loro entrata in vigore.
Il "ministro" al Commercio Usa, il segretario Wilbur Ross, ha però lanciato un avvertimento durante il forum Ocse ieri a Parigi, lasciando intendere che le trattative sarebbero potute proseguire anche con l'entrata in vigore dei dazi. "Ci possono essere negoziati con o senza le tariffe, non è che non si possa parlare con le tariffe in piedi", ha detto Ross (secondo quanto riportato dal Financial Times).
Ross ha invitato l'Europa a  seguire il modello della Cina: Pechino sta subendo i dazi sui due metalli sin dalla loro entrata in vigore il 23 marzo scorso. Contemporaneamente sta trattando un accordo commerciale di più ampio respiro confidando di aumentare le sue esportazioni di beni alimentari ed energia in America.
Wto, Macron chiede la riforma delle regole
Bruxelles tuttavia non crede che le tariffe doganali sui metalli siano il modo giusto per avviare i negoziati. Così come la Cina ha minacciato ritorsioni, anche la Ue si prepara a misure già ventilate e che prendono di mira prodotti americani come motociclette, jeans e bourbon con dazi per un valore di 2,8 miliardi di euro.
La stessa Cina, in verità, ha preso male un'ulteriore improvvisa stretta degli Usa (che due giorni fa hanno impostodazi del 25% su prodotti tecnologici cinesi per 50 miliardi di dollari)."Riteniamo", ha dichiarato il portavoce, Gao Feng, in merito alle misure restrittive che Washington intende attuare, "che vadano contro i principi di base dell'Organizzazione Mondiale del Commercio. E dopo attente valutazioni, penseremo a una risposta di conseguenza".
"L'Occidente che va a pezzi. Tenere in sicurezza l'Italia dagli avventurismi è fondamentale. Saranno anni difficili. Attrezziamoci". Così scrive sul suo profilo Twitter il ministro dello Sviluppo economico, Carlo Calenda, commentando l'esito negativo delle trattative tra l'Ue e l'amministrazione di Donald Trump per esentare i Paesi europei dall'applicazione di pesanti tariffe commerciali sull'acciaio e l'alluminio importati negli Usa.

Ultimo aggiornamento Giovedì 31 Maggio 2018 20:49
 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.