Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Dicembre 2018  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
       1  2
  3  4  5  6  7  8  9
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31      

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Ma il debito cresce PDF Stampa E-mail
Scritto da corriere.it   
Martedì 19 Giugno 2018 00:13


inesorabilmente

Continua a crescere il debito pubblico, che ad aprile è aumentato di 9,3 miliardi rispetto al mese precedente, salendo a 2.311,7 miliardi, rileva la Banca d’Italia nel suo Bollettino di «Finanza pubblica, fabbisogno e debito», segnalando che l’incremento è dovuto all’aumento delle disponibilità liquide del Tesoro (di 7,3 miliardi, a 52,1 miliardi, quando erano 58,5 ad aprile 2017) e, in misura minore al fabbisogno delle amministrazioni pubbliche (2,4 miliardi). L’effetto complessivo degli scarti e dei premi all’emissione e al rimborso, della rivalutazione dei titoli indicizzati all’inflazione e della variazione dei tassi di cambio ha invece ridotto il debito di 0,3 miliardi.
Sempre ad aprile le entrate tributarie contabilizzate nel bilancio dello Stato sono state pari a 30 miliardi, in aumento di 1,1 miliardi rispetto allo stesso mese del 2017. Nei primi quattro mesi del 2018 le entrate tributarie sono quindi pari a 121,6 miliardi, in aumento dello 0,6% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Al netto di alcune disomogeneità contabili, segnala Bankitalia, si può stimare che la dinamica delle entrate tributarie sia stata più favorevole.

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.