Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Luglio 2018  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
        1
  2  3  4  5  6  7  8
  9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031     

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Gemelli Caino PDF Stampa E-mail
Scritto da lapresse.it   
Giovedì 21 Giugno 2018 00:50


Gli usa che ingabbiano i bambini e Israele che ci gioca al tiro al piccione

 

 

E a tutti coloro che si esalteranno per questa 'svolya antimondialista' facciamo notare che l'Onu resta a New York; che gli Usa non l'abbandonano affatto e che, in ogni caso, già subito dopo la Grande Guerra quando c'ingabbiarono nella Società delle Nazioni loro se ne tennero fuori e manipolarono dall'alto. Se qualcuno pensa di esaltare Trump che mette in gabbia i bambini come il paladino di non si sa quale causa antimondialista ha bisogno di essere ricoverato. Chi invece gioisca per tutte le conseguenze a cui la politica di Trump spinge (tra cui il rafforzamento europeo in chiave difensiva da Washington) ha ragione da vendere.

Gli Stati Uniti si sono ritirati dal Consiglio Onu dei diritti umaniaccusando l'organizzazione di "ipocrisia" e di pregiudizio nei confronti di Israele. "Prendiamo questa decisione perché il nostro impegno non ci permette di fare più parte di un organismo ipocrita e asservito ai propri interessi, che fa dei diritti umani oggetto di beffa", ha dichiarato l'ambasciatrice Usa all'Onu, Nikki Haley, in conferenza stampa insieme al Segretario di Stato, Mike Pompeo. "Per troppo tempo, il Consiglio per i diritti umani ha protetto gli autori di violazioni dei diritti umani stessi ed è stato un pozzo nero di pregiudizi politici", ha aggiunto.

Haley e Pompeo hanno insistito sul fatto che gli Stati Uniti sarebbero rimasti un araldo dei diritti umani nel mondo. Per molti, invece, questa decisione riflette la sfiducia del governo americano verso gli organismi multilaterali.

La decisione arriva all'indomani delle critiche dell'Alto commissario Onu per i diritti umani Zeid Ra'ad Al Hussein alla politica "inammissibile" e crudele delle autorità americane sulla separazione dei bambini dai genitori migranti alla frontiera con il Messico. Ma Haley e Pompeo hanno sottolineato che la decisione è stata presa dopo un lungo anno di sforzi per far riformare il Consiglio e per far rimuovere gli stati membri che a loro volta commettono abusi.

In particolare, l'attenzione del Consiglio sul comportamento israeliano nei confronti dei palestinesi nel territorio che occupa in Cisgiordania e a Gaza ha fatto infuriare Washington, ma anche l'atteggiamento nei confronti di stati come Venezuela e Cuba.

Ultimo aggiornamento Mercoledì 20 Giugno 2018 09:52
 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.