Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Dicembre 2018  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
       1  2
  3  4  5  6  7  8  9
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31      

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Cambiato l’obiettivo PDF Stampa E-mail
Scritto da lastampa.it   
Lunedì 25 Giugno 2018 00:08


L’attacco usuraio su Italia e Germania. La Grecia allora respira

 

L’Eurogruppo ha raggiunto un accordo sull’uscita della Grecia dal programma di aiuti e sulle misure per alleggerire il debito di un paese in crisi da otto anni. «Un momento storico: anni di sforzi e sacrifici che si concludono e un nuovo capitolo che si apre» ha annunciato a fine di una maratona di sei ore a Lussemburgo il commissario europeo per gli Affari monetari, Pierre Moscovici. «Per la zona euro la conclusione di un programma di aiuti mette fine a una crisi esistenziale della nostra moneta unica alla quale essa ha sopravvissuto», ha aggiunto il commissario.

Di fatto la Grecia, dal 20 di agosto, data di scadenza del terzo programma di salvataggio, il Paese potrà ricominciare a camminare da sola e a tornare sui mercati a finanziari, anche se sempre sotto vigilanza. I ministri dell’Eurozona hanno infatti, dopo una riunione durata sei ore, trovato un accordo sulla chiusura della revisione del piano di salvataggio: il pacchetto comprende la riduzione del debito, la sorveglianza post-programma e le dimensioni di una tranche finale.

Dalla crisi finanziaria nel 2010, la Grecia ha partecipato a tre programmi di salvataggio con i creditori europei per un prestito totale di 241,6 miliardi di euro. In sostanza l’intesa trovata dai ministri dell’Eurozona prevede l’estensione di 10 anni delle scadenze di un debito che ha raggiunto quasi il 180% del Pil, circa il doppio della ricchezza annua del Paese. Un sostegno arriverà comunque dai paesi creditori che metteranno a disposizione del Paese un’ultima tranche di prestito di 15 miliardi.

L’intesa è stata raggiunta dopo sei ore di discussioni per via delle resistenze della Germania, principale creditore della Grecia. Proprio a richiesta della Germania l’accordo resta condizionato al proseguimento delle riforme nel Paese nel medio e nel lungo termine. L’ultimo programma di salvataggio per Atene risale al 2015 ed era stato raggiunto dopo sei mesi di faticosi negoziati.

p.p1 {margin: 0.0px 0.0px 0.0px 0.0px; line-height: 22.0px; font: 18.0px Times; color: #000000; -webkit-text-stroke: #000000; background-color: #ffffff} span.s1 {font-kerning: none}

p.p1 {margin: 0.0px 0.0px 0.0px 0.0px; line-height: 22.0px; font: 18.0px Times; color: #000000; -webkit-text-stroke: #000000; background-color: #ffffff} span.s1 {font-kerning: none}
 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.