Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Dicembre 2018  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
       1  2
  3  4  5  6  7  8  9
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31      

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
La calma prima della tempesta PDF Stampa E-mail
Scritto da wallstreeitalia.com   
Mercoledì 25 Luglio 2018 00:33


Economia mondiale e bancarotta

Il rendimento dei decennali del Tesoro statunitensi hanno registrato una variazione di appena nove punti base da inizio mese. Dopo aver ripiegato dai massimi del 17 maggio del 3,1261%, i tassi della scadenza di riferimento dei Bond si sono congelati in una forchetta percentuale compresa tra il 2,8053% e il 2,8950%.
In luglio il mercato obbligazionario americano sta vivendo l’oscillazione mensile minore dal 1973. In termini di prezzi, la volatilità dei prezzi dei future sul titolo Usa decennale negli ultimi 30 anni è la più bassa dal 1998. Venti anni fa. Una tale asfissia ha portato i commentatori di mercato a parlare di “stato zombie” del mercato dei Bond e fa temere per una tempesta in arrivo dopo il periodo di calma.
È un po’ quello che è successo a febbraio ai mercati finanziari in generale. Dopo essere rimasti assuefatti nel 2017 e a inizio di quest’anno da condizioni di volatilità zero, da una crescita globale coordinata dell’economia e da una inflazione costantemente sotto controllo, il risveglio è stato brusco, con l’indice della volatilità che è schizzato a 37 punti.
Lo scenario potrebbe ripetersi. In una nota ai clienti Ian Lyngen, strategist di BMO Capital Markets, ha ricordato questa settimana di come il rendimento si stia rivelando impassibile anche alle notizie più grosse e non voglia più discostarsi dai livelli correnti. “La nostra sensazione è che qualcosa di tragico si sta avvicinando all’orizzonte” per i Bond.
L’indice Vix, detto “indice della paura”, viaggia al momento sotto i 12 punti, un segnale di come i mercati siano di nuovo atrofizzati. A breve termine evidentemente i trader non si aspettano grandi tensioni a Wall Street e quindi di riflesso sull’azionario mondiale. Ma la natura dei mercati e ciclica e dopo un periodo di calma bisogna stare in guardia contro i pericoli di una tempesta.

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.