Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Novembre 2018  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
     1  2  3  4
  5  6  7  8  91011
12131415161718
19202122232425
2627282930  

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Fronte sud PDF Stampa E-mail
Scritto da wallstreeitalia.com   
Giovedì 30 Agosto 2018 00:04


Lo sfondamento americano in Turchia spinge i tedeschi a farci intervenire a sostenerla

La crisi valutaria turca spaventa l’Europa. A tal punto che Germania starebbe considerando se fornire un’assistenza finanziaria di emergenza. È quanti scrive il Wall Street Journal, specificando che i legislatori temono un effetto contagio dato dall’indebolimento dell’economia di Ankara che potenzialmente potrebbe ledere il sistema bancario europeo, alimentare le tensioni in Medio Oriente e dare il via a una nuova ondata migratoria.
“Faremmo di tutto per stabilizzare la Turchia. Non abbiamo molta scelta”, ha affermato un funzionario tedesco al Wsj.
In base alle indiscrezioni, i primi passi sarebbero già stati già mossi. Le ipotesi spaziano da un Bailout coordinato a livello europeo simile a quello usato durante la crisi del debito Ue a prestiti ad hoc concessi da banche per lo sviluppo passando per aiuti bilaterali. Tuttavia, precista il quotidiano, i negoziati sono solo alla fase iniziale e non e’ detto che portino a un’intesa.
Erdogan intanto sarà a Berlino il 28 settembre prossimo. In vista del suo viaggio, una settimana prima il ministro tedesco dell’Economia, Olaf Scholz, e la controparte turca, Berat Albayrak, si vedranno nella città tedesca. Un’occasione – sostengono gli osservatori – per mettere a punto il piano di sostegno.
Oggi intanto la lira turca ha accelerato la fase ribassista, dopo il downgrade da parte di Moody’s su venti istituzioni finanziarie (18 banche e due compagnie finanziarie). In mattinata, la valuta ha perso circa l’1,5% contro il dollaro che è scambiato a 6,3870 lire (- 40% del suo valore rispetto al dollaro dall’inizio dell’anno e quasi il 24% in un mese).

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.