Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Dicembre 2018  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
       1  2
  3  4  5  6  7  8  9
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31      

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
La Germania fa bene all'Italia PDF Stampa E-mail
Scritto da ilsole24ore   
Venerdì 30 Novembre 2018 00:47


I luoghi comuni sono sballati

In un rapporto pubblicato questa settimana, la Commissione europea ha svelato cifre e dati alla mano quanto siano forti i legami commerciali tra i paesi membri dell'Unione attraverso una straordinaria catena di valore fra imprese ed economie. Tra le altre cose, la relazione dovrebbe indurre a ripensare molti dei pregiudizi che accusano la Germania di coltivare un pericoloso attivo delle partite correnti che per molti rifletterebbe un palese egoismo nazionale.
Cominciamo dalle cifre più generali. Tra il 2000 e il 2017, il numero di posti di lavoro che dipendono dall'export europeo verso il resto del mondo è salito del 66% per toccare i 36 milioni.
Attualmente, nell'Unione europea, un posto di lavoro su sette dipende direttamente o indirettamente dall'export, grazie a una moneta unica che per via anche della sua ormai radicata presenza internazionale ha dato nuovo valore alle esportazioni nazionali.
L’Italia supera la Francia nell’export in Giappone
La tanto criticata Germania, accusata di essere un paese che esporta e non consuma, ha esportazioni verso il resto del mondo che contribuiscono alla presenza di 8,4 milioni di posti di lavoro in tutta l'Unione, di cui 6,8 milioni nella Repubblica Federale e nell'ordine 270mila in Polonia, 160mila in Italia, 155mila in Olanda, oltre 150mila nella Repubblica Ceca e 140mila in Francia. Le stesse esportazioni italiane danno lavoro a 3,2 milioni di persone in tutta l'Unione.
A proposito: il caso italiano è particolarmente interessante in un momento in cui la retorica politica flirta con i presunti benefici dell'autarchia. Le esportazioni italiane danno lavoro in Italia a 2,7 milioni di persone. Altre 500mila persone hanno un posto di lavoro che dipende direttamente dalle esportazioni di altri paesi membri verso il resto del mondo. In tutto, il 13% dei posti di lavoro in Italia dipende dalle esportazioni europee, in un modo o nell'altro.

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.