Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Agosto 2019  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
     1  2  3  4
  5  6  7  8  91011
12131415161718
19202122232425
262728293031 

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Brexeat ? PDF Stampa E-mail
Scritto da ansa   
Giovedì 31 Gennaio 2019 00:46


Terrori per il no deal

Una Brexit senza accordo con l'Ue (no deal) rischia di creare problemi "significativi" anche all'approvvigionamento di prodotti alimentari nel Regno Unito: a lanciare l'allarme è oggi una lettera aperta firmata dai vertici delle principali aziende di grande distribuzione e fast food del Paese (Sainsbury's, Asda, Marks & Spencer, Waitrose, The Co-op, Lidl, McDonald's e KFC). "Siamo estremamente preoccupati per le conseguenze sui nostri clienti di una Brexit no deal", si legge nel testo, diffuso dai media britannici.
I capi azienda delle catene che hanno aderito all'iniziativa sottolineano di voler "preavvertire sui rischi significativi" che minacciano "il mantenimento" al livello attuale "della scelta, della qualità e della durata dei cibi a disposizione dei nostri clienti" nell'ipotesi di un no deal: ipotesi, ammoniscono, destinata a generare "un'inevitabile pressione sui prezzi" a causa dei prevedibili "costi di trasporto più alti, della svalutazione della moneta e dei dazi".
I firmatari evidenziano poi come la situazione possa rivelarsi ancor più difficile a fine marzo (data prevista per il divorzio di Londra da Bruxelles) trattandosi di un momento di difficoltà "più acute" per la distribuzione di diversi prodotti alimentari che nel Regno sono "fuori stagione": con il 90% delle verdure fresche e il 70% della frutta "importati dall'Ue in quel periodo dell'anno". Di qui l'appello al governo e al Parlamento a "trovare urgentemente una soluzione per evitare lo shock di una Brexit no deal il 29 marzo e rimuovere questi rischi per i consumatori".

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.