Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Novembre 2019  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
      1  2  3
  4  5  6  7  8  910
11121314151617
18192021222324
252627282930 

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Ma vuoi vedere che l'età dell'oro PDF Stampa E-mail
Scritto da ilsole24ore   
Lunedì 04 Febbraio 2019 00:05


è appena l'ombra di Wall Street

 

Nell’ultimo trimestre del 2018, la domanda di oro da parte di investitori istituzionali, privati e Banche centrali è salita a quota 1.281,5 tonnellate, crescendo del 16% rispetto al quarto trimestre del 2017. I dati appena diffusi dal World Gold Council confermano la tendenza di crescita anche sull’intero 2018. Lo scorso anno la domanda globale è salita del 4% a 4.345,1 tonnellate. In particolare quella per lingotti e monete ha raggiunto 1.090,2 tonnellate (+4%), con le monete sui massimi a cinque anni. Certo, i flussi globali verso gli Etf sull’oro sono calati del 67%. Attenzione però. E’ risultata in crescita nel 2018 in Europa spinta da investitori istituzionali e privati con una fiammata negli ultimi mesi. Nel dettaglio da fine settembre la domanda da parte degli investitori professionali ha totalizzato 112,4 tonnellate. Il che corrisponde a un balzo del 246%. In questo caso giocano un ruolo fondamentale i timori e le incertezze su come avverrà la Brexit e su quali effetti avrà nel futuro.
A livello mondiale le Banche centrali hanno rappresentato i principali motori della domanda. Nel 2018 è risultata infatti ai massimi dal 1971. Cioè da quando sono stati eliminati i trattati di Bretton Woods sul legame tra valute, in particolare dollaro, e riserve auree della rispettiva Banca centrale. Nel 2018 gli istituti centrali di Russia, Turchia, Kazakistan, Ungheria, Polonia e Iraq sono risultati tra i più attivi.
“Gli investitori sono preoccupati del fatto che l’economia mondiale è fragile. Questo li spinge a buttarsi sull’oro in quanto bene rifugio” ha commentato John Mulligan, membro del World Gold Council.

Ultimo aggiornamento Sabato 02 Febbraio 2019 15:11
 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.