Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Novembre 2019  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
      1  2  3
  4  5  6  7  8  910
11121314151617
18192021222324
252627282930 

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
La Cina è vicina PDF Stampa E-mail
Scritto da limes   
Martedì 26 Marzo 2019 00:07


Per qualcuno lo è un po' troppo

"Il grande punto interrogativo sul Mou riguarda i porti e quello di Trieste nello specifico. Il Memorandum apre la strada a diversi e più specifici accordi tra i due Italia e Cina che comprendono anche le intese tra China communications construction company (Cccc), braccio operativo del governo cinese sulle infrastrutture. Gli uomini di Xi Ji Ping hanno puntato gli occhi su due dei principali porti italiani: Genova e Trieste. Nei giorni scorsi grandi sono state le polemiche per il rischio di colonizzazione cinese del porto italiano più vicino all’Est europa. Il cda del porto di Trieste ha cercato di rispondere spiegando il contenuto dell’accordo che si chiama Trihub. Si tratta di un accordo diviso in tre parti che prevede un intervento da 200 milioni di euro di Cccc sul nodo ferroviario triestino fino a Monfalcone consentendo, per contro, all’Autorità di sistema del Mar Adriatico orientale (anche attraverso la partecipata Interporto di Trieste) di partecipare a progetti logistici di Cccc a Kosice in Slovacchia e in Cina."


https://limes-club-trieste.blogspot.com/2019/03/il-testo-ufficiale-del-memorandum-tra.html?fbclid=IwAR2x4FPg-UV4JU8NFFAfRQ9T2dXeI83Bq0eqYzUN3jHf6xLvgwvRCcKJsm8


 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.