Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Ottobre 2019  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
   1  2  3  4  5  6
  7  8  910111213
14151617181920
21222324252627
28293031   

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Non siamo in buona salute PDF Stampa E-mail
Scritto da ansa   
Giovedì 13 Giugno 2019 00:18


Ma ci preoccupiamo di quella degli altri

Lanciata a Roma in maggio, si allarga ad altre città italiane la campagna voluta dalla Federazione degli Ordini dei medici (Fnomceo) sulla fuga degli specialisti italiani all'estero. A Bari il manifesto parla chiaro: "Laureato a Bari, anestesista a Parigi. Offre l'Italia". L'immagine è accompagnata anche dai numeri, "Ogni anno 1.500 medici vanno a specializzarsi all'estero. E non tornano. Costano all'Italia oltre 225 milioni". E una richiesta al Governo: "Servono più posti di specializzazione".
L'iniziativa di Fnomceo è stata condivisa dall'Ordine dei medici di Bari e si sta estendendo perché "la campagna è nata con l'obiettivo di sensibilizzare gli italiani sul problema della carenza di medici di medicina generale e specialisti, e sulle soluzioni", ha spiegato il presidente della Fnomceo, Filippo Anelli. "Saranno infatti 14.000 i medici specializzati che mancheranno all'appello nei prossimi 15 anni".
La campagna si articolerà infatti su più fronti: oltre ai manifesti di sei metri per tre che saranno affissi, a cura degli Ordini provinciali, in diverse città, si svilupperà sulla stampa e sui social, con la diffusione delle immagini e dello spot.

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.