Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Novembre 2019  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
      1  2  3
  4  5  6  7  8  910
11121314151617
18192021222324
252627282930 

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Recessione in vista? PDF Stampa E-mail
Scritto da wallstreeitalia.com   
Mercoledì 21 Agosto 2019 00:28


Potrebbe essere colossale


Non solo gli Stati Uniti. Anche l’Europa rischia di finire nel baratro della recessione. È  la previsione di Mohamed El-Erian, ex co-chief investment officer di Pimco, ora principale consigliere economico di Allianz, che in un’intervista esclusiva con Financial News ha avvertito che l’Europa “sta rapidamente perdendo slancio” e ora “barcolla sull’orlo di una recessione significativa” vista ora al 70% delle probabilità . Questo perché tutte le principali economie del Vecchio Continente, Gran Bretagna, l’Italia e Germania in testa, sono “paralizzate” sul fronte interno.
“Le cinque principali economie in Europa sono tutte distratte dai propri problemi interni”, ha affermato El-Erian, che ha anche fatto riferimento anche a Francia e Spagna. “Ne consegue che non viene fatto nulla sul fronte delle politiche pro-crescita”.
Una previsione condivisa anche da Kerstin Braun, presidente del gruppo Stenn, che ha dichiarato:
“Il Pil è in calo nel Regno Unito, in Italia e in Germania, i motori della regione europea. L’elenco delle notizie negative è troppo lungo per invertire il sentimento negativo globale.. Ciò è confermato dall’inversione della curva dei rendimenti, che di solito viene considerato indicatore di una crisi imminente. “
El-Erian ha aggiunto che la Federal Reserve è “tenuta in ostaggio dai mercati” e sarà costretta a fare due tagli ai tassi di interesse entro la fine dell’anno, aggiungendo che la banca centrale americana “non avrà altra scelta” se non quella di abbassare i tassi fino all’1,75% nei prossimi cinque mesi per alleviare i timori che le tensioni commerciali e il rallentamento della crescita globale possano danneggiare l’economia degli Stati Uniti.

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.