Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Dicembre 2019  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
        1
  2  3  4  5  6  7  8
  9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031     

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Se il denaro è sempre più privato PDF Stampa E-mail
Scritto da ilsole24ore   
Giovedì 17 Ottobre 2019 00:41


perché di pubblico a trovarne...

PayPal ha preferito spingersi in Cina per fare concorrenza a colossi come Alipay e WeChat piuttosto che partecipare alla criptovaluta di Facebook. La rinuncia di PayPal, insieme a quelle di Visa, Mastercard e Stripe rappresenta un duro colpo per Libra.
Perché questi colossi finanziari avrebbero dovuto facilitare la circolazione delle valute digitale per i consumatori. Ma soprattutto avrebbero rappresentato una sorta di certificazione di qualità del progetto che fin da subito Zuckerberg ha presentato come la criptovaluta non solo di Facebook.
Insieme a una ventina di altri soggetti avrebbero dovuto convincere il mondo che il nuovo sistema finanziario attorno a Libra non era soltanto in mano al social network, già finito sotto accusa per la gestione spregiudicata delle informazioni dei suoi due miliardi e mezzo di utenti.
Quello che fa paura di Libra è la prospettiva della creazione di una moneta gestita da un soggetto privato, concezione a cui l’economia moderna non è più abituata: oggi le valute sono emesse e gestite da autorità monetaria pubbliche e sono espressione di Stati. Anche i vecchi progetti di valute internazionali nascevano comunque in seno a entità sovranazionali come Fondo monetario o Banca mondiale. Tanto più che quel soggetto privato è un colosso del web che già ha in mano informazioni sulla vita privata, sui gusti e sui consumi di poco meno di un terzo della popolazione mondiale.
Adesso rischierebbe di mettere le mani anche sulla massa dei dati finanziari, aumentando a dismisura un potere da Grande Fratello che già oggi fa chiedere a gran voce da più parti di arrivare a un breakup. Appare sempre più difficile a oggi che Libra possa vedere la luce, ma il progetto ha scoperchiato un’esigenza ineludibile: un sistema finanziario troppo inefficiente e costoso e che ancora oggi esclude larghe fette della popolazione.
Un’inefficienza che arriva a pesare sul flusso di rimesse che a livello globale hanno ormai superato gli investimenti diretti. Non a caso che colossi bancari come JpMorgan e Wells Fargo stanno sviluppando le loro criptovalute. E quasi tutte le Banche centrali hanno in corso piani per valute digitali. Quale potrebbe essere la prima a mettere sul tavolo il progetto? La Cina, ovviamente.


 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.