Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Gennaio 2020  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
    1  2  3  4  5
  6  7  8  9101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Al netto della retorica cogliete il senso! PDF Stampa E-mail
Scritto da ansa   
Venerdì 20 Dicembre 2019 00:49


Vi sfugge? O magari volete a tutti i costi che vi sfugga

L'Onu continua a condannare la Ue perché non fa abbastanza per gli immigrati. Quindi sarebbe ora di capire che questi non vengono perché "lo vuole Bruxelles". Vengono per diversi motivi congiunti ma soprattutto per responsabilità (e interessi) di oligarchie locali. Le italiane poi le battono tutte: basti pensare che per ogni immigrato gli "accoglienti" percespiscono esattamente il doppio che in Germania, paese in cui la vita non risulta essere più a buon mercato che da noi.
Che poi la mentalità "progressista" e "open" sia presente a Bruxelles come ovunque in occidente è un altro conto. Ma se si deve affrontare un problema lo si faccia a ragion veduta e non menando il can per l'aia!

"Stati mediterranei come Italia e Grecia hanno diritto alla solidarietà e al supporto da parte del resto dell'Unione europea" per quanto riguarda la crisi dei migranti "ma finora non abbiamo visto questa solidarietà e questo supporto pienamente materializzati".
Lo ha detto il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres, ospite al Senato.
Nel suo discorso Guterres ha elogiato gli "sforzi e l'umanità dell'Italia, ma serve una risposta collettiva".
"Mi congratulo - ha aggiunto Guterres - con l'apertura, la cura e la compassione che gli italiani hanno dimostrato nei confronti di decine di migliaia di rifugiati che sono arrivati ​​sulle sue rive negli ultimi anni". "È profondamente preoccupante - ha proseguito - che rifugiati e migranti continuino a morire mentre attraversano mari e deserti. Dobbiamo fare tutto il possibile per impedirlo, intervenendo nei paesi di origine, in quelli di transito e di destinazione. Soprattutto, abbiamo bisogno di risposte collettive, compresi i programmi di sviluppo con opportunità e posti di lavoro nelle regioni di origine". "Dobbiamo perseguire - ha concluso - i trafficanti di esseri umani e le reti criminali che traggono profitto dalla miseria della gente. Dobbiamo rafforzare percorsi regolari per la migrazione e il reinsediamento dei rifugiati".
"A Madrid è stata persa un' opportunità" ma "se falliamo ora la storia ci ricorderà come quelli che non hanno agito e ne avevano gli strumenti e i nostri nipoti non ci perdoneranno", ha detto ancora Guterres che si è detto "scioccato" dalla situazione a Venezia e "per l'impatto del cambiamento climatico su questa perla".
La prossima Cop 26, organizzata da Regno Unito e Italia, "sarà un momento decisivo, abbiamo piena fiducia nella leadership dell'Italia".



 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.