Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Aprile 2020  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
    1  2  3  4  5
  6  7  8  9101112
13141516171819
20212223242526
27282930   

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Vaccino PDF Stampa E-mail
Scritto da wallstreeitalia.com   
Giovedì 19 Marzo 2020 21:26


Gli Usa lo vogliono dalla Germania ma intanto lo stanno producendo a Seattle

E pare lo abbiano anche gli israeliani. Non è che è nato insieme al virus, per caso?

Le prime somministrazioni sugli esseri umani di un vaccino sperimentale contro il coronavirus sono partite. A condurre la sfida contro il tempo per lo sviluppo di un’arma contro il SARS Cov-2 sono gli scienziati del Kaiser Permanente Washington Reasearch Institute di Seattle. L’agenzia di stampa Associated Press ha assistito e fotografato la prima iniezione del vaccino in fase di studio. A farsi avanti come volontaria è stata una donna di 43 anni, Jennifer Haller, operation manager in una piccola società tech.
“Ci sentiamo tutti così impotenti. Questa è una straordinaria opportunità per me di fare qualcosa “, ha dichiarato la Haller prima di essere vaccinata. Dopo l’iniezione, riporta la AP, la donna ha lasciato la sala con un grande sorriso: “Mi sento benissimo”.
Quello avvenuto lunedì (17 marzo) è soltanto il primo esperimento di una serie che vedrà coinvolti in tutto 45 volontari, cui saranno iniettate due dosi nell’arco di un mese.
“Tutti vogliono fare ciò che possono in questa emergenza”, ha affermato la responsabile dello studio, la dottoressa Lisa Jackson. Il vaccino oggetto di questa prima sperimentazione sugli esseri umani è quello sviluppato dalla statunitense Moderna Inc, denominato mRNA-1273. E’ ritenuto un vaccino sicuro in quanto, a differenza dei vaccini “tradizionali” non contiene un virus debilitato (che comunque potrebbe, nei casi avversi, provocare l’infezione).
Nel frattempo, numerose altre società stanno sviluppando autonomamente altri vaccini candidati a sconfiggere il
Nonostante l’importante passo avanti nella sperimentazione, si sta assistendo solo all’inizio di una serie di studi che saranno necessari per dimostrare l’efficacia e la sicurezza del vaccino. La tabella di marcia, come ribadito dal consigliere della Casa Bianca, il dott. Anthony Fauci del National Institutes of Health, rimane invariata: nessun vaccino sarà pronto prima di 12 mesi.

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.