Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Settembre 2020  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
   1  2  3  4  5  6
  7  8  910111213
14151617181920
21222324252627
282930    

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Arranchiamo PDF Stampa E-mail
Scritto da wallstreeitalia.com   
Lunedì 24 Agosto 2020 00:46


a dir poco

Gli elementi che ci aiutano a costruire l’asset allocation
I governi sembrano spendere quanto più possibile. I deficit di bilancio aumentano a livelli da record: nel 2020 per l’intera Eurozona si prevede un -9,6%, per gli USA -17,4, per il Regno Unito -13% (fonte: Bloomberg). E sembra solo l’inizio visto che i programmi di quantitative easing delle Banche centrali sono stati estesi e aumentati diverse volte e, se i dati sulla crescita dovessero essere deludenti, in futuro i governi probabilmente spenderanno ancora di più.
La spesa di oggi si traduce, chiaramente, in un rapporto debito/Pil più alto per il futuro. Questo debito ulteriore alla fine dovrà essere ripagato e peserà sicuramente sulla crescita futura.
Ciò significa che un irrigidimento delle condizioni monetarie è da escludere, poiché i governi, semplicemente, non saranno in grado di tollerare un aumento dei tassi.
Prima della crisi da Covid-19 avevamo già considerato che i tassi fossero limitati al rialzo a causa di trend di lungo termine come la digitalizzazione o l’invecchiamento demografico. Ora il quadro è ancora più chiaro: abituamoci ai rendimenti negativi, perché sono qui per restare. Nel contesto attuale, un’opzione d’investimento interessante è il debito sovrano australiano a lunga scadenza, poiché in quel Paese la curva del rendimento è ripida.
Anche le valute sono state colpite. Il dollaro Usa ha perso smalto – il carry è ora minimo con tassi di interesse reali profondamente negativi. Questo trend ribassista implica che le attese sull’inflazione continueranno a riprendersi dai livelli di profonda depressione osservati durante la crisi. Pertanto, siamo positivi sui break-even d’inflazione in Europa e negli Stati Uniti.
I titoli preferiti da avere in portafoglio
Per quanto riguarda gli asset rischiosi come le azioni, stiamo osservando una sorta di tiro alla fune fra performance economiche terribili e un drastico allentamento delle condizioni fiscali e monetarie.
Tuttavia, il posizionamento degli investitori ci dà un segnale più chiaro sul sentiment. Sebbene sia migliorato, esso rimane relativamente debole rispetto ai dati storici: i livelli di liquidità sono alti, le strategie sistematiche come i fondi “volatility target” presentano bassi livelli di rischio e anche l’hedge fund beta rispetto allo S&P 500 si colloca nell’estremità inferiore del range.
Ai nostri occhi ciò significa che il “pain trade” è maggiore per gli asset rischiosi, che sono destinati a risalire se le altre condizioni non cambiano. Favoriamo il debito subordinato finanziario, così come il credito societario (sia investment grade che high yield). Queste obbligazioni hanno sottoperformato durante la crisi e pertanto hanno margine di ripresa.
Fra i Paesi europei periferici, seguiamo da vicino l’andamento dei bond greci, che mostrano un profilo rischio/rendimento attraente e che ora sono stati inclusi fra gli acquisti della Bce nell’ambito del PEPP.
Sul versante azionario, la nostra preferenza va alle large cap, che hanno sofferto decisamente meno delle small cap.
Il trend ribassista del dollaro dovrebbe implicare un miglioramento dei rendimenti, su base coperta dal rischio valutario, delle azioni Usa.

 

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.