Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Ottobre 2020  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
     1  2  3  4
  5  6  7  8  91011
12131415161718
19202122232425
262728293031 

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Schiavi di pretese impossibili PDF Stampa E-mail
Scritto da wallstreeitalia.com   
Giovedì 08 Ottobre 2020 00:31


Salvaguardare l'economia cercando di assecondare la vigliaccheria collettiva sarà molto arduo

La pandemia di Covid-19 continua a costituire una grande incognita a livello globale, alternando i propri effetti sui continenti di volta in volta interessa­ti. Nelle ultime settimane si è verificato un migliora­mento della situazione complessiva nelle Americhe, ma è tornato a peggiorare il quadro europeo.
L’escalation nel numero di nuovi contagi ha interes­sato già a luglio la Spagna e, a seguire, Francia e Regno Unito.
Per il momento gli effetti sono molto più contenuti in Germania e Italia, anche se una crescita si è riscontrata anche in questi Paesi.

L’impatto economico dei nuovi lockdown
Sul piano economico, la seconda ondata arriva in un periodo in cui le economie europee stanno ancora scontando le pesanti conseguenze della primavera scorsa. Il rimbalzo sarà intenso nel terzo trimestre e in alcuni casi, ad esempio in Italia, potremmo assistere anche a sorprese positive.
Tuttavia adesso l’attenzione dei mercati si concen­tra sul quarto trimestre e sull’arrivo dell’inverno, che potrebbe favorire una recrudescenza del virus.
Dal punto di vista strettamente economico, lo scenario più avverso è che anche questa seconda ondata produca forme di lockdown di portata nazio­nale.
Sarà importante in questo senso monitorare l’andamento di ricoveri e terapie intensive nei princi­pali Paesi continentali, in quanto lockdown genera­lizzati a livello nazionale sono necessariamente figli di uno stato di sofferenza del sistema sanitario.

Se osserviamo i dati più recenti, Francia e Spagna hanno un’occupazione delle terapie intensive pari a circa il 20% (Italia 3,5%). Di particolare pericolosità è il focolaio che riguarda la regione di Madrid, nella quale il tasso ha superato il 40%. L’inverno sarà lungo, riteniamo tuttavia che siano poco probabili decisioni di lockdown della stessa portata di quanto visto nella primavera scorsa.
D’altro canto, i prossimi mesi potrebbero essere un percorso accidentato di disposizioni di chiusura temporanea a livello locale, i cui effetti sul tessuto economico andranno analizzati attentamente.
Ad esempio, è già visibile su alcune metriche (PMI, Retail Footfall) un rallentamento delle attività e dei consumi in Francia e in Spagna.
In un contesto del genere, è naturale immaginare che le politiche fiscali e monetarie (Commissione Europea, BCE, governi nazionali) continueranno ad essere allineate nei prossimi mesi, al fine di assicurare una rete di protezione, evitando spettri di nuova recessione o deflazione prolungata.
Un ulteriore impulso monetario potrebbe essere varato prossimamente (aumento di dotazione del PEPP, il programma di acquisti pandemico), mentre è cruciale che le istituzioni europee diano il via libero definitivo al Recovery Fund.
In entrambi i casi sarà cruciale trovare l’accordo a breve, un allungamento dei tempi potrebbe provocare ritardi, aumentando i rischi di stagnazione.

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.