Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Luglio 2020  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
    1  2  3  4  5
  6  7  8  9101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
il wto e lo sfruttamento dei Paesi poveri PDF Stampa E-mail
Scritto da lastampa.it   
Lunedì 02 Agosto 2004 01:00

Il dramma sta nel fatto che i Paesi in via di sviluppo potrebbero vivere di sussistenza attraverso la loro agricoltura se i Paesi industrializzati dessero loro pochi fondi per aiutarli. Ma il denaro dalle organizzazioni internazionali, quali per esempio il FMI, arriva solo se quei Paesi accettano di esportare i loro prodotti agricoli. é un circolo vizioso!

GINEVRA. Storico accordo nella notte fra sabato e domenica alla seduta plenaria dell’Organizzazione mondiale per il commercio (Wto) di Ginevra. Dopo giorni difficili, di confronto serrato e di divergenze d’opinione, i 147 paesi membri dell’Organizzazione hanno trovato un’intesa per rilanciare i negoziati sulla liberalizzazione degli scambi internazionali. La svolta che ha messo tutti d’accordo è arrivata dopo quindici ore di discussione. Un compromesso equo sulla questione più delicata, quella dell’agricoltura, che da sempre rappresenta l’ostacolo più difficile. Il testo del negoziato permetterà ai prodotti agricoli dei paesi in via di sviluppo di rafforzare la propria competitività con quelli dei paesi più ricchi. Risolto anche il nodo delle barriere doganali, per le quali è previsto ora un abbassamento delle tariffe più elevate, così come avevano chiesto i paesi in via di sviluppo, ma salvaguardando il diritto di proteggere alcuni prodotti ritenuti chiave e che dovranno essere definiti e negoziati.
 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.